Nairobi ospiterà un vertice speciale per i rifugiati somali

Pubblicato il 2 marzo 2017 alle 15:00 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD) ha indetto un vertice speciale che si terrà a Nairobi, lo scopo dell’incontro sarà quello di trovare una soluzione per i rifugiati somali.

L’IGAD composta da Etiopia, Gibuti, Kenya, Somalia, Sud Sudan e Sudan, ha dichiarato che attraverso il vertice del 25 marzo verrà rinnovato l’impegno per trovare una soluzione efficace e duratura per la crisi che la Somalia sta attraversando. In un comunicato l’organizzazione ha affermato che “il vertice di Nairobi cercherà di stimolare lo sviluppo nazionale, regionale e globale, grazie anche alla solidarietà internazionale e alla condivisione delle responsabilità. L’obiettivo è quello di rafforzare la protezione nei confronti di migliaia di rifugiati somali, ma anche di rinnovare gli sforzi per trovare una soluzione concreta al loro disagio. “

La decisione di tenere tale congresso è stata concordata durante il 28esimo vertice straordinario dell’Assemblea dell’IGAD, tenuto a Mogadiscio lo scorso settembre, a cui hanno partecipato vari capi di Stato e di governo.

Negli ultimi due decenni gli sfollati somali hanno superato i due milioni. Si stima che circa un milione di persone sono attualmente senza casa all’interno della Somalia, mentre quasi 900.000 sono rifugiati di terza generazione, in particolare, in Kenya, 324.000, in Etiopia, 241.000, in Yemen, 255.000, in Uganda, 39.500 e in Gibuti, 13.000.

L’Autorità intergovernativa per lo sviluppo è stata istituita nel 1996. Essa si è sostituita all’Autorità intergovernativa per la siccità e lo sviluppo (IGADD), un corpo multinazionale fondata nel 1986. La loro missione è quella di promuovere la cooperazione e l’integrazione regionale per raggiungere pace, sicurezza e prosperità.

Membri dell'Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD). Fonte: Wikimedia Commons

Membri dell’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD). Fonte: Wikimedia Commons

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.