Israele spara gas lacrimogeno per disperdere una protesta al confine libanese

Pubblicato il 27 febbraio 2017 alle 7:07 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Secondo le truppe israeliane, i manifestanti avrebbero attraversato il confine internazionale.

Sabato 25 febbraio, alcuni militari israeliani hanno sparato gas lacrimogeni oltre il confine libanese, interrompendo una piccola protesta contro l’istallazione di alcune telecamere. L’esercito israeliano ha dichiarato che decine di manifestanti hanno attraversato il confine internazionale, spingendo le truppe a sparare gas lacrimogeni per disperdere la folla e “prevenire ulteriori infiltrazioni in territorio israeliano”.

Le forze di pace delle Nazioni Unite, conosciute anche con l’acronimo UNIFIL, hanno affermato che stanno investigando su quanto accaduto. UNIFIL coopera strettamente con l’esercito libanese e diverse truppe sono ancora sul luogo per garantire che non vi sia “alcuna violazione” dei confini delimitati dalle Nazioni Unite, ha dichiarato il portavoce Andrea Tenenti. Quest’ultimo ha spiegato che Israele non ha istallato alcuna telecamera che non rispetti i confini. Ha anche aggiunto che l’UNIFIL è in contatto con entrambe le parti per pervenire a una soluzione.

La protesta da parte dei residenti di Meiss el-Jabal, vicino al confine con Israele, è stata guidata da un deputato libanese. I manifestanti si sono opposti all’installazione da parte di Israele di telecamere di sicurezza e di un pannello solare lungo il confine. Un manifestante ha sostenuto che le telecamere siano utilizzate per spiare il Libano.

Il confine tra Israele e Libano è rimasto per lo più pacifico dal 2006. Israele e Hezbollah si erano già scontrati nell’estate del 2006. Il conflitto era scoppiato quando alcuni militanti avevano attraversato il confine israeliano, catturando due soldati. I combattimenti portarono alla morte di 1.200 libanesi e 150 israeliani, prima che le Nazioni Unite imponessero un cessate il fuoco immediato.

Bandiera di Israele. Fonti: Wikipedia

Bandiera di Israele. Fonti: Wikipedia

 

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.