Soldato israeliano condannato a 18 mesi per l’uccisione di un palestinese

Pubblicato il 22 febbraio 2017 alle 7:00 in Israele Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Martedì 21 febbraio, il tribunale militare israeliano ha condannato un soldato a 18 mesi di carcere per aver ucciso un aggressore palestinese, già gravemente ferito.

Il giudice, Maya Heller, ha emesso la sentenza un mese dopo che Elor Azaria, 21 anni, era stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo, per aver ucciso l’anno scorso Abdul Fatah al-Sharif, nonostante fosse a terra gravemente ferito. L’accusa aveva chiesto una condanna da tre a cinque anni.
“Anche se ha commesso un errore, Azaria non deve rimanere in prigione. Noi tutti ne pagheremo il prezzo “, ha affermato il ministro dell’Istruzione, Naftali Bennett, leader del partito nazionalista Casa Ebraica.

Haller ha dichiarato di aver preso in considerazione fattori attenuanti quali il “danno subito dalla sua famiglia” e il fatto che fosse in “territorio ostile” quando si è verificata la sparatoria.

Il portavoce del governo palestinese, Tarek Rishmawi, ha definito la condanna un “via libera” ai crimini militari. “Questa sentenza è ridicola e dimostra quanto siano discriminatori i tribunali israeliani verso i palestinesi“, ha dichiarato Issa Karaka, ministro del governo palestinese per gli affari dei detenuti.

Quanto avvenuto è stato ripreso in un video e ha avuto larga diffusione on-line. Il filmato mostra Sharif, 21 anni, ferito e steso a terra insieme ad un altro palestinese e Azaria che gli spara un altro colpo alla testa, senza aver subito alcuna provocazione.

Da settembre 2015, i palestinesi hanno condotto numerosi attacchi che hanno portato alla morte 41 israeliani e due visitatori americani. Allo stesso tempo, le forze israeliane hanno ucciso 235 palestinesi, per lo più in risposta ad aggressioni.

Palestinesi e gruppi per i diritti umani hanno accusato le forze israeliane di un uso eccessivo della forza e, in alcuni casi, di aver ferito persone innocenti, scambiate per aggressori. Tuttavia, in assenza di prove concrete, non erano stati fino ad ora in grado di dimostrare queste affermazioni.

Il servizio militare nazionale è obbligatorio per tutti i cittadini israeliani di età superiore ai 18 anni. A partire da luglio 2015, gli uomini sono in servizio per due anni e otto mesi, invece le donne per due anni.

Forze di difesa israeliane (IDF). Fonte: Wikimedia Commons

Forze di difesa israeliane (IDF). Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.