Salam Fayyad nuovo rappresentante speciale in Libia, USA contestano la nomina

Pubblicato il 11 febbraio 2017 alle 15:33 in Medio Oriente Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ex primo ministro palestinese, Salam Fayyad, è stato nominato nuovo rappresentante speciale in Libia per guidare la missione politica delle Nazioni Unite nel paese.

Gli Stati Uniti hanno contestato la nomina, dichiarando di non riconoscere lo stato palestinese e di voler sostenere gli alleati israeliani. La Palestina è membro osservatore presso le Nazioni Unite e la sua indipendenza è stata riconosciuta da 137 dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite.

Venerdì 10 febbraio, l’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha espresso il disappunto del governo statunitense per la nomina di Fayyad a rappresentante speciale in Libia, da parte del segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres. “Per troppo tempo l’ONU è stata ingiustamente sbilanciata in favore dell’Autorità Palestinese a scapito dei nostri alleati israeliani”, ha spiegato Haley aggiungendo che “in futuro, gli Stati Uniti sosterranno i propri alleati non solo a parole ma anche con i fatti”.

Alcuni diplomatici delle Nazioni Unite, parlando in condizione di anonimato, hanno dichiarato all’agenzia di stampa Associated Press che Fayyad è molto stimato per il suo impegno nel riformare l’Autorità Palestinese e per aver rivitalizzato l’economia della regione. Secondo queste fonti, Fayyad avrebbe ottenuto l’approvazione di 14 membri del Consiglio di Sicurezza in quanto successore di Martin Kobler, il diplomatico tedesco inviato in Libia dalle Nazioni Unite dalla fine del 2015.

Fayyad è un politico palestinese, ex primo ministro dell’Autorità Palestinese ed ex ministro delle finanze. Il 6 dicembre 2005 ha fondato il partito centrista Terza via, guidato anche da Hanan Ashrawi, con l’obiettivo di proporsi come un’alternativa ai due maggiori interlocutori politici palestinesi, Hamas e Fatah. Nelle elezioni di gennaio 2006, il partito ha ricevuto il 2,41% dei voti e ha vinto due dei 132 seggi del Consiglio.

Salam Fayyad, ex primo ministro palestinese. Fonte: Wikipedia Commons

Salam Fayyad, ex primo ministro palestinese. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.