Cina, la Nuova Via della Seta è la strada contro l’isolazionismo  

Pubblicato il 3 febbraio 2017 alle 15:30 in Asia Cina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il consigliere di stato cinese Yang Jiechi ha ribadito l’importanza del progetto Nuova Via della Seta per migliorare la cooperazione internazionale e contrastare le tendenze isolazioniste e protezioniste.

 

A cento giorni dall’apertura del vertice “One Belt One Road” che si terrà a Pechino il 14 e il 15 maggio 2017, Yang Jiechi ha riassunto e ribadito l’importanza del progetto avviato dal governo di Xi Jinping nel 2013.

La Nuova Via della Seta comprende due aspetti fondamentali: la costruzione di una Nuova Via della Seta Marittima e di una “cintura economica” lungo l’antica Via della Seta terrestre. Quest’ultimo aspetto prevede la realizzazione di grandi progetti infrastrutturali, soprattutto nell’industria dei trasporti, che colleghino i vari paesi dell’Asia. Il fine è quello di “allineare anche gli altri paesi allo sviluppo della Cina”, ha dichiarato Yang Jiechi al People’s Daily.

Secondo il portavoce del governo di Pechino, la Nuova Via della Seta comprende vantaggi reciproci per i paesi coinvolti che contrastano in modo efficace l’emergere di “voci contrarie alla globalizzazione” e alle tendenze che vanno verso “l’isolazionismo, il pensiero antiquato e accordi commerciali frammentari”.

 

La Cina si pone come forza portante della globalizzazione e come leader per affrontare le sfide di carattere globale. Dal commercio internazionale alla lotta al mutamento climatico, Pechino è pronta a lavorare in comunione con gli altri paesi, questo è quanto ha dichiarato il presidente cinese Xi Jinping durante il World Economic Forum di Davos.

La Cina propositiva e pronta a collaborare si contrappone agli Stati Uniti che, sotto la guida del nuovo president Trump, escono dal partenariato Trans-Pacifico e rincorrono una politica sempre più isolazionista.

 

Antica carovana lungo la Via della Seta, Fonte: Wikipedia Commons

Antica carovana lungo la Via della Seta, Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.