Leader affiliato all’ISIS ucciso da un drone a Nangarhar

Pubblicato il 1 febbraio 2017 alle 16:53 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Shahid Omar, considerato uno dei maggiori leader dell’ISIS, è stato ucciso in un attacco aereo condotto con droni da forze straniere nella provincia afghana orientale di Nangarhar. Il portavoce del governo provinciale, Ataullah Khogyani, ha dichiarato che Omar era alla guida di un gruppo di almeno 40 combattenti dell’ISIS a Nangarhar. Khogyani ha aggiunto che l’attacco aereo è avvenuto nel distretto di Achin e che Omar risulterebbe essere originario della provincia pachistana di Khyber Pakhtunkhwa.

Bandiera dell'Afghanistan. Fonte: Wikimedia Commons (23 giugno 2014)

Bandiera dell’Afghanistan. Fonte: Wikimedia Commons (23 giugno 2014)

I gruppi di militanti armati anti-governativi, tra cui gli affiliati all’ISIS, non hanno finora reagito alle dichiarazioni rilasciate dalle autorità afghane.

Nonostante Nangarhar sia annoverata tra le province più tranquille e sicure dell’Afghanistan orientale, i militanti armati anti-governativi hanno recentemente intensificato le proprie attività terroristiche in alcuni distretti della provincia. Negli ultimi anni, gruppi di combattenti fedeli all’ISIS hanno esteso la propria influenza sul distretto di Achin e su altre aree periferiche di Nangarhar. Per far fronte alla crescente minaccia terroristica, le forze statunitensi e afghane sono impegnate in continue operazioni anti-terrorismo.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.