Riprendono gli aiuti umanitari ONU a Deir Az-Zour

Pubblicato il 1 febbraio 2017 alle 7:00 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ONU ha ripristinato l’invio aereo di aiuti umanitari a favore della popolazione della città siriana di Deir Az-Zour.

Lo scorso 15 gennaio, il Programma Alimentare Mondiale dell’ONU (World Food ProgrammeWFP) aveva sospeso l’invio di aiuti umanitari a causa dei violenti scontri seguiti agli attacchi compiuti da militanti dell’ISIS a Deir Az-Zour.

Bandiera della Siria. Foto di Syrian Air Force Ensign.svg. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera della Siria. Foto di Syrian Air Force Ensign.svg. Fonte: Wikimedia Commons

La città siriana, dove risiedono 100.000 persone, resiste da anni alle incursioni armate dell’ISIS. L’organizzazione terroristica ha recentemente occupato alcuni territori che erano sotto il controllo del regime siriano, causando scontri e pesanti bombardamenti da parte delle forze militari siriane e dell’alleato russo.

A Ginevra, Bettina Luetscher, portavoce del WFP, ha spiegato ai giornalisti che la consegna degli aiuti è ripresa domenica scorsa, dopo aver completato l’identificazione di una zona sicura dove depositarli senza mettere a rischio i volontari ONU. Luetscher ha espresso soddisfazione per il ripristino delle operazioni di trasporto e consegna di cibo salva-vita e di altri beni di prima necessità a beneficio della città assediata.

Il WFP ha fatto sapere che dall’aprile 2016 l’ONU ha effettuato 179 consegne di aiuti umanitari, trasportati esclusivamente via aria e contenenti oltre 3.340 tonnellate metriche di cibo e di altri aiuti a favore di circa 93.500 persone residenti a Deir Az-Zour.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.