Attacco in Quebec: identificato attentatore

Pubblicato il 31 gennaio 2017 alle 9:05 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La polizia canadese ha identificato l’attentatore della moschea in Quebec.

Alexandre Bissonette, 27enne franco-canadese, è accusato di 6 omicidi e di 5 tentati omicidi. Il secondo uomo arrestato dagli agenti, il marocchino Mohamed Khadir, è stato rilasciato dopo essere stato interrogato come testimone.

Le autorità locali hanno riferito che Bissonette studia scienze sociali presso la Laval University di Quebec City. Doug Keirstead, portavoce delle forze armate canadesi, ha riferito che, tra il 2002 e il 2004, il giovane ha partecipato al Cadet Program, un programma nazionale affiliato alla Canadian Armed Forces, in cui vengono insegnate diverse competenze. Dalle indagini è emerso che lo studente è un simpatizzante del presidente americano Donald Trump e  del partito di destra francese di Marine Le Pen. Secondo il ministro della pubblica sicurezza canadese Ralph Goodale, Bissonette è un lupo solitario.

Domenica sera, l’attentatore ha aperto il fuoco contro una moschea nella città di Quebec, uccidendo 6 persone e ferendone 19, di cui 5 in maniera grave.

L’attacco è stato definito dal il primo ministro canadese, Justin Trudeau, “un atto terroristico contro i musulmani”. Étienne Doyon, portavoce della polizia di Quebec, ha riferito ai giornalisti giunti alla moschea, la Islamic Cultural Center of Quebec, che l’attacco è avvenuto intorno alle 8 di sera. All’interno del luogo di culto c’erano circa 50 persone.

L’attentato ha scioccato il Canada, paese che accoglie moltissimi rifugiati che scappano dalle guerre e dal terrorismo. Il PM ha commentato che “è straziante vedere tanta violenza insensata”, aggiungendo che “la diversità è la nostra forza e la tolleranza religiosa è un valore molto caro a noi canadesi”.

Il ministro per la pubblica sicurezza di Quebec, Martin Coiteux, ha scritto su Twitter che sono stati attivati sistemi di polizia per far fronte alle minacce terroristiche e che la sicurezza della popolazione è la priorità delle forze di sicurezza. L’emittente canadese in lingua francese Radio Canada ha riferito che la zona intorno alla moschea è stata sigillata dagli agenti.

L’attacco è avvenuto dopo che  Trudeau ha affermato che il Canada continuerà ad accogliere i rifugiati che scappano dal terrorismo e dalla guerra. Decisione opposta rispetto a quella del presidente americano Donald Trump, il quale è stato criticato da tutto il mondo per aver firmato un atto esecutivo che vieta ai cittadini provenienti da 7 paesi islamici di entrare negli Stati Uniti.

Nella città di Quebec vivono circa 765,000 persone, di cui 6,760 sono musulmane.

Quebec, Canada. Fonte: Wikimedia Commons

Quebec, Canada. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.