Aumentano i legami tra Isis e militanti delle Filippine

Pubblicato il 27 gennaio 2017 alle 10:00 in Asia Filippine

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I legami tra i militanti islamisti nelle Filippine e l’Isis sono in aumento, gli estremisti stanno costruendo una rete nel Sud-Est Asiatico. Queste le informazioni in possesso dell’intelligence, secondo quanto ha dichiarato il Ministero della Difesa di Manila, giovedì 26 gennaio.

Un leader del gruppo militante Abu Sayyaf – noto per aver svolto azioni di pirateria e rapimenti soprattutto di stranieri anche con decapitazioni, nell’area del sud delle Filippine – stava tentando di ampliare la sua presenza in altre zone del paese seguendo le istruzioni dell’Isis, ha dichiarato il segretario alla difesa di Manila, Delfin Lorenzana.

“Isnilon Hapilon, membro del gruppo Abu Sayyaf, ha lasciato la sua area operativa tradizionale nell’isola di Basilan e si è spostato verso la zona di Lanao del Sur per un sopralluogo e per capire se fosse o meno conveniente per il gruppo militante trasferirsi lì”, ha affermato Lorenzana durante una conferenza stampa.

Lanao del Sur è una provincia dell’isola di Mindanao, a nord-est della più piccola isola di Basilan. Lorenzana non ha dato dettagli in merito a quale paese alleato abbia fornito le informazioni di intelligence, ma ha precisato che esse affermavano che Hapilon ha effettuato il sopralluogo in nome dell’Isis.

Le forze dell’ordine filippine hanno condotto dei bombardamenti alle postazioni dei ribelli sulle montagne di Lanao del Sur, nel tentativo di colpire Hapilon, ha dichiarato il segretario Lorenzana.

L’esercito delle Filippine aveva finora negato l’esistenza di legami tra l’Isis e i militanti islamisti presenti nel paese, ritenendo che Abu Sayyaf avesse giurato alleanza allo Stato Islamico solo per farsi un nome.

Il presidente filippino Duterte aveva aumentato l’allerta nel suo Paese preoccupato dalla possibilità che l’Isis stesse “contaminando” le Filippine per crearsi una base qualora dovesse essere costretto a lasciare l’Iraq e la Siria.

“[L’Isis e i militanti islamisti delle Filippine] erano in contatto già in passato, ma non quanto ora che l’Isis sta avendo problemi nel mantenere il controllo delle sue zone in Medio Oriente”, ha dichiarato Lorenzana.

Lanao del Sur è una base del gruppo ribelle Maute che ha, anch’esso, giurato alleanza all’Isis ed è composto per la maggior parte da guerriglieri ex membri del Moro Islamic Liberation Front. Molti membri di Maute sono stati arrestati dopo un bombardamento in cui nel 2016 sono state uccise 14 persone.

Abu Sayyaf, anche conosciuto come al-Harakat al-Islamiyya è uno dei diversi gruppi paramilitari separatisti islamici, con base attorno alle isole a sud delle Filippine, in Bangsamoro (Jolo, Basilan e Mindanao) dove per quasi 30 anni diversi gruppi musulmani sono insorti contro lo Stato a ispirazione cattolica delle Filippine.

Delfin Lorenzana, segretario alla difesa delle Filippine. Fonte: Wikipedia Commons

Delfin Lorenzana, segretario alla difesa delle Filippine. Fonte: Wikipedia Commons

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.