La Russia condanna le sanzioni USA contro Milorad Dodik

Pubblicato il 19 gennaio 2017 alle 15:30 in Asia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

È l’ennesimo tentativo dell’amministrazione Obama di complicare la soluzione dei conflitti nei Balcani e in altre aree del globo, afferma il Ministero degli esteri di Mosca.

Condanniamo con forza le sanzioni varate dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America contro il Presidente della Repubblica Serba di Bosnia (Srpska) Milorad Dodik. Inizia così il durissimo comunicato del Ministero degli esteri russo.

Consideriamo infondate – prosegue la nota – le argomentazioni di parte americana, che scaricano su Dodik e sulla comunità serba la situazione di stallo in Bosnia-Herzegovina. Mosca considera queste sanzioni un artificio di Washington per “coprire le colpe e gli errori accumulati in passato” dagli Stati Uniti.

Mosca si dice pronta a lavorare con tutti gli attori del mosaico bosniaco e invita gli Stati Uniti a rispettare i leader locali e la sovranità delle entità che compongono la Bosnia, in conformità con gli accordi di Dayton del 1995. Invitiamo tutte le parti – aggiunge il dicastero guidato da Sergej Lavrov – ad abbandonare gli ultimatum e le minacce e a lavorare per la prosperità e la crescita economico- sociale della Bosnia-Herzegovina.

La nota ricorda che a Dayton fu stabilita la parità tra le due entità federali e i tre popoli della Bosnia. Le sanzioni contro Dodik, invece, mettono la Republika Srpska (serba) in situazione di inferiorità nei confronti della Federazione di Bosnia ed Herzegovina (croato-bosniaca).

La Russia è uno dei 55 membri del Consiglio per l’attuazione della pace in Bosnia (PIC), costituito nel dicembre 1995 per attuare gli accordi di Dayton che hanno posto termine alla guerra seguita alla dissoluzione della Jugoslavia. Milorad Dodik è presidente dell’entità serba di Bosnia dal 2010, dopo esserne stato primo ministro dal 2006 al 2010 e prima dal 1998 al 2000. È considerato l’erede politico di Biljana Plavsic, presidente dei serbi di Bosnia fino al 1998, condannata per crimini contro l’umanità nel 2003 e liberata nel 2009.

La Russia è uno stretto alleato della Republika Srpska e Putin ha ricevuto a Mosca Dodik più volte, l’ultima lo scorso settembre.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

Milorad Dodik con Vladimir Putin lo scorso settembre. Fonte: kremlin.ru

Milorad Dodik con Vladimir Putin lo scorso settembre. Fonte: kremlin.ru

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.