Lavrov spera che gli USA partecipino ai colloqui di Astana

Pubblicato il 17 gennaio 2017 alle 15:30 in Asia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nel caso di partecipazione di Washington, sarebbe il primo contatto ufficiale tra le due parti sulla situazione in Siria, ha affermato il ministro degli esteri della Federazione russa 

La Russia intende invitare ai colloqui di Astana, il prossimo 23 gennaio, tanto le Nazioni Unite quanto la nuova amministrazione statunitense – ha affermato il capo della diplomazia di Mosca, Sergej Lavrov in uno dei passaggi più significativi della lunga conferenza stampa offerta questa mattina a oltre 450 giornalisti.

Il ministro ha tenuto la tradizionale conferenza stampa in cui traccia il bilancio delle attività diplomatiche della Federazione nel corso del 2016.

“Ora stiamo preparando l’incontro di Astana, riteniamo che sia giusto invitare i rappresentanti delle Nazioni Unite e della nuova amministrazione degli Stati Uniti” ha affermato Lavrov.

“Ci auguriamo che la nuova amministrazione americana sia in grado di accettare questo invito, che sia rappresentata da esperti a tutti i livelli possibili – ha continuato il ministro. Sarebbe il primo contatto ufficiale nel corso del quale sarà possibile cominciare a discutere per migliorare l’efficacia della lotta contro il terrorismo in Siria”.

Lavrov ha tuttavia sottolineato come gli attori stranieri – Russia, USA, ONU – possano solo creare le condizioni per il dialogo, ma poi il destino del paese debba essere determinato dai siriani stessi. Lavrov ha quindi auspicato la partecipazione dei signori della guerra siriani non solo ai colloqui, ma anche al processo politico che – a suo avviso – dovrebbe seguire i negoziati.

I colloqui di Astana, sotto l’egida di Russia, Turchia e Iran, dovrebbero coinvolgere la maggior parte delle forze in campo in Siria, ma non al-Nusra o l’ISIS.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

Il ministro degli esteri russo Lavrov. Fonte: kremlin.ru

Il ministro degli esteri russo Lavrov. Fonte: kremlin.ru

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.