Mosca fa il punto sulla sicurezza interna

Pubblicato il 16 gennaio 2017 alle 17:00 in Asia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità federali hanno dichiarato di aver intercettato 900 terroristi che hanno cercato di introdursi nel paese nel corso dello scorso anno. Mosca ha ammesso anche che vi sono cellule che operano nel territorio russo

Nikolaj Patrušev, segretario del Consiglio Federale per la Sicurezza, ha dichiarato alla stampa che i servizi speciali russi hanno bloccato oltre 900 “persone coinvolte in attività terroristiche” alle frontiere del paese. Ha aggiunto, tuttavia, che il paese deve far fronte a cellule terroriste che operano dall’interno.

Patrušev ha ammesso l’esistenza del problema di cellule segrete di organizzazioni terroristiche internazionali che operano nel territorio della Federazione Russa con il pretesto della difesa delle tradizioni e degli usi delle comunità musulmane autoctone. “Con l’appoggio di alcuni paesi, di cui preferisco non fare il nome ora, sono impegnati a fondo nel fare propaganda estremista, nella ricerca continua di nuovi adepti, nel reclutamento di mercenari da inviare nei campi di addestramento dei terroristi” – ha aggiunto.

Patrušev ha inoltre sottolineato l’impegno del Consiglio e dei servizi di sicurezza nel garantire continui controlli in vista dei “grandi eventi sportivi internazionali” che avranno luogo in Russia. Fa riferimento, dunque, alla Confederations Cup, prova generale dei Mondiali di Calcio 2018, che avrà luogo a Mosca, San Pietroburgo, Kazan’ e Soči tra giugno e luglio prossimi.

Il segretario del Consiglio per la Sicurezza ha evidenziato anche l’importanza dell’azione russa in Siria contro gruppi terroristici internazionali. “Le minacce per la Russia sono aumentate – ha ammesso – non solo a causa dell’impegno in Siria, ma anche per ciò che sta accadendo in altri paesi quali Iraq, Afghanistan, Libia e soprattutto Ucraina”.

Prima di diventare segretario del Consiglio per la Sicurezza, Nikolaj Patrušev ha diretto i servizi segreti russi (FSB) dal 1999 al 2008.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

Nikolaj Patrušev, segretario del Consiglio per la Sicurezza della Federazione Russa. Fonte: kremlin.ru

Nikolaj Patrušev, segretario del Consiglio per la Sicurezza della Federazione Russa. Fonte: kremlin.ru

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.