Pakistan: continuano le operazioni anti-terrorismo delle forze armate

Pubblicato il 11 gennaio 2017 alle 17:09 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le massime autorità militari del Pakistan hanno dichiarato che le corti militari, istituite a seguito dell’attacco talebano del dicembre 2014 alla scuola pubblica militare di Peshawar (dove sono rimasti uccisi 132 ragazzi)hanno svolto un ruolo fondamentale nel facilitare l’azione di contrasto al terrorismo.

Il 20 gennaio 2016, all’interno del campus universitario di Bacha Khan, nei pressi di Charsadda, 60 persone hanno perso la vita in un attacco terroristico. Il 30 marzo 2016 un kamikaze si è fatto esplodere all’interno di un parco giochi nel centro di Lahore. L’attacco, che ha preso di mira i cristiani pachistani, fu rivendicato da Jamaat-ul-Ahrar, gruppo scissionista precedentemente legato al gruppo talebano pachistano Tehrik-e-Taliban Pakistan (TTP).

Il Generale Qamar Javed Bajwa, capo delle forze armate pachistane, chiamato a presiedere la Conferenza dei comandanti delle forze armate, ha ordinato agli ufficiali dell’esercito di continuare le operazioni di anti-terrorismo e di stabilizzare le aree del paese già liberate dalla presenza di gruppi terroristici. Bajwa ha chiesto alle autorità nazionali di intensificare gli sforzi per accelerare il rientro dei civili temporaneamente sfollati (TDPs).

Baine Baba Ziarat, Pakistan. Fonte: Flickr. Foto di Al-Jazeera English (22 maggio 2009)

Baine Baba Ziarat, Pakistan. Fonte: Flickr. Foto di Al-Jazeera English (22 maggio 2009)

I partecipanti al consesso militare hanno passato in rassegna i principali obiettivi di sicurezza nazionale del Pakistan e hanno esaminato il livello di preparazione operativa dell’esercito pachistano. Il Generale ha espresso la sua soddisfazione per i progressi compiuti nell’operazione Zarb-e-Azb (“Attacco affilato e tagliente”), un’offensiva militare congiunta lanciata nel 15 giugno 2014 per liberare il Waziristan del Nord da milizie tribali affiliate al TTP. Dal 2015 l’ISIS addestra i suoi combattenti in Waziristan, regione montuosa nordoccidentale situata lungo il confine con l’Afghanistan.

Infine, Bajwa ha plaudito al successo del test effettuato sul nuovo missile da crociera Babur-3, in grado di trasportare testate nucleari. Il missile, che ha una gittata di 450 chilometri, è stato lanciato da un sottomarino in una zona non precisata dell’Oceano Indiano.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.