La Bielorussia cambia il regime dei visti, Mosca recalcitrante

Pubblicato il 11 gennaio 2017 alle 15:30 in Asia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La libera circolazione fra Russia e Bielorussia coinvolge Mosca nella decisione di Minsk di abolire i visti per viaggi inferiori a 5 giorni di cittadini di 80 paesi

La Bielorussia “ha tenuto in considerazione gli interessi della parte russa” nella cambio del regime dei visti, ha assicurato Igor’ Fisenko, responsabile delle questioni consolari del ministero degli esteri bielorusso.

“Il nuovo regime dei visti- ha ricordato Fisenko – non si applica a persone provenienti dalla Russia o da aeroporti russi”. Le autorità consolari dei due paesi sono in perenne contatto e la politica bielorussa sui visti inferiori a cinque giorni è stata e sarà discussa approfonditamente. “Il decreto presidenziale (con cui la Bielorussia cambia il regime dei visti n.d.a.) entrerà in vigore a febbraio – ha continuato Fisenko – per cui avremo occasione di ridiscuterne in futuro”. Per il momento, però, da Mosca la risposta è no.

Il 10 gennaio l’addetto stampa del Cremlino Dmitrij Peskov aveva comunicato che la decisione di cambiare il regime dei visti era “un affare interno alla Bielorussia”. Lunedì 9 gennaio il presidente bielorusso Aleksandr Lukašenko aveva firmato un decreto che sopprime i visti per viaggi inferiori a cinque giorni per cittadini di 80 paesi. Tra questi tutti i membri della UE, il Brasile, il Giappone, l’Indonesia e gli Stati Uniti.

L’accordo di libera circolazione tra Russia e Bielorussia consente di entrare de facto in entrambi i paesi con un solo visto e una sola carta d’ingresso doganale a causa dell’assenza di posti di frontiera e controlli doganali tra le due nazioni.

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino

Il presiedente bielorusso Aleksandr Lukašėnko. Fonte: Kremlin.ru

Il presiedente bielorusso Aleksandr Lukašėnko. Fonte: Kremlin.ru

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.