Il Giappone crea unità speciale Guardia Costiera anti-Cina

Pubblicato il 11 gennaio 2017 alle 14:10 in Asia Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Guardia Costiera del Giappone fornirà aiuti maggiori agli altri paesi del Sudest Asiatico per contrastare la sempre maggiore presenza della Cina nel Mar Cinese Meridionale e in quello Orientale.

Il Giappone creerà per la sua Guardia Costiera un’unità speciale per aiutare gli altri paesi della regione a migliorare le loro capacità di controllo costiero ed evitare potenziali scontri. L’unità speciale – inizialmente formata da 7 persone – sarà focalizzata sulle risorse umane e sul miglioramento delle capacità di autodifesa costiera della regione. Il programma inizierà ad Aprile 2017, con l’inizio del nuovo anno fiscale che lo prevede come voce di spesa importante.

Il programma di aiuto ai paesi limitrofi del Giappone verrà effettuato dalla Guardia Costiera in collaborazione con la Japan International Cooperation Agency. Le due agenzie si occuperanno di inviare istruttori ai paesi circostanti e di ospitare, in Giappone, delle sessioni addestramento per gli ufficiali delle loro guardie costiere. Ad alcuni paesi amici, in cui la Guardia Costiera è separata dall’esercito nazionale, Tokyo ha già fornito delle nave pattuglia.

Il Giappone si trova in difficoltà nei confronti dell’aggressiva politica marittima della Cina sia nel Mar Cinese Meridionale che in quello Orientale, con le dispute sulle isole Senkaku che rientrano nella prefettura giapponese di Okinawa. Gli ufficiali della marina del Giappone temono un’ulteriore destabilizzazione della regione del Mar Cinese Meridionale, a causa delle continue mosse di Pechino atte a rivendicare la sovranità su alcuni isolotti per trasformarli in avamposti militari.

Negli ultimi anni, molti paesi del Sudest Asiatico hanno creato dei servizi di guardacoste indipendenti dalla marina nazionale per fronteggiare e tenere sotto controllo la politica espansionistica della Cina, che spesso invia le sue navi di pattuglia nelle acque rivendicate da altri paesi. Il Vietnam ha creato la sua unità di guardia costiera indipendente nel 2013 ed è stato seguito dall’Indonesia l’anno successivo.

Nave di pattuglia della Guardia Costiera del Giappone. Fonte: Wikipedia Commons

Nave di pattuglia della Guardia Costiera del Giappone. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.