Attentatore di Berlino: filmato nella stazione di Lione

Pubblicato il 26 dicembre 2016 alle 10:30 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Anis Amri, attentatore di Berlino, è stato filmato a Lione, Francia. Le immagini sono state rintracciate attraverso le telecamere di sorveglianza presenti nella stazione della città francese. La polizia tedesca ha riferito che il tunisino ha acquistato il biglietto per Milano a Lione, passando poi per Chambery. E’ attesa un’analisi completa delle immagini per ricostruire il percorso preciso che ha portato il terrorista in Italia.

Le autorità tedesche stanno indagando anche sui legami tra Anis Amri, attentatore di Berlino, e il predicatore iracheno, Abu Walaa, residente in Germania e chiamato “il predicatore senza volto”.

Ahmad Abdulaziz Abdullah A., conosciuto come Abu Walaa, dispensava consigli attraverso i social media e appariva in video mostrando la schiena alla telecamera con un sudario nero indosso. Come riportato da Deutsche Welle, Walaa è sospettato di essere uno dei principali reclutatori dell’ISIS in Germania. Le autorità non sono sicure su come sia avvenuto il processo di radicalizzazione del tunisino che ha compiuto l’attacco di Berlino, ucciso la notte del 23 dicembre a Sesto San Giovanni, nel milanese, ma credono che fosse in contatto con membri del movimento Salafita locale. Walaa, 32 anni, è arrivato in Germania dall’Iraq nel 2000, stabilendosi nella Renania Settentrionale-Westfalia. Predicava in una moschea a nord-ovest dello stato della Bassa Sassionia e aveva attirato numerosi seguaci online che condividevano le sue idee su un numero di questioni mondane, tra le quali “come mantenere un buon matrimonio”. Nonostante trattasse di argomenti monotoni, le autorità tedesche lo hanno tenuto sotto controllo, soprattutto perché la moschea dove predicava era divenuta un centro di ritrovo per il movimento Salafita del paese. Si pensa che almeno 20 individui si siano radicalizzati nel luogo di culto prima di partire per unirsi all’ISIS in Siria e in Iraq.

Nel novembre 2016, Walaa è stato arrestato con l’accusa di essere un reclutatore dello Stato Islamico in Germania. In seguito alla sua incarcerazione, l’ufficio del procuratore federale tedesco ha riferito che Walaa aveva giurato fedeltà all’ISIS ed era apparso come speaker in diversi eventi Salafisti. Sono circa 800 le persone in Germania che nel 2015 si sono unite a gruppi estremisti in Siria e in Iraq, ma non è ancora chiaro quanti di essi siano collegati al predicatore senza volto.

Intanto, il Presidente della Repubblica italiano, Sergio Mattarella, parteciperà oggi ai funerali di Fabrizia di Lorenzo, una delle vittime dell’attentato di Berlino, a Surmona, insieme al Ministro dell’Interno, Marco Minniti. La Digos sta approfondendo le indagini sulla pistola calibro 22 di Anis Amris, e sulla scheda telefonica inutilizzata trovata nello zaino dell’attentatore, per scoprire possibili contatti a Milano. Si cerca anche di comprendere se Sesto San Giovanni fosse solo un luogo di passaggio oppure un luogo in cui trovare protezione da parte di altri militanti jihadisti.

Il predicatore senza volto, Abu Walaa. Fonte: YouTube

Il predicatore senza volto, Abu Walaa. Fonte: YouTube

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.