Ambasciatore russo ad Ankara ucciso da attentato terroristico

Pubblicato il 19 dicembre 2016 alle 19:18 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Andrey Karlov, ambasciatore russo ad Ankara dal 2013, è stato ferito a morte dopo essere intervenuto ad una mostra fotografica nella capitale turca. L’aggressore, comparso in giacca e cravatta, ha fatto evacuare il locale. Al grido di “Allahu Akbar”, si è rivolto a Karlov pronunciando alcune parole in russo, ha sparato almeno otto colpi e, secondo alcuni testimoni, ha fatto riferimento all’assedio di Aleppo, accusando il diplomatico russo di esserne corresponsabile. Il ventiduenne, ex ufficiale di polizia residente ad Ankara, è stato infine ucciso a seguito del violento scontro a fuoco con la polizia turca.

Mochea di Kocatepe. Foto di Uğurgüler06 (6 settembre 2015)

Mochea di Kocatepe. Foto di Uğurgüler06 (6 settembre 2015)

L’attentato ad Ankara precede la visita ufficiale a Mosca del Ministro degli esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu, che domani incontrerà i ministri russo e iraniano per negoziare un nuovo accordo sul conflitto in Siria.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.