Bambine kamikaze si fanno esplodere in un mercato in Nigeria

Pubblicato il 12 dicembre 2016 alle 10:02 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due bambine , di 7 e 8 anni, sono state usate come bombe per compiere un attentato terroristico domenica scorsa in Nigeria. L’esplosione è avvenuta in un mercato molto frequentato a Maiduguri, nella zona a Nord-Est del Paese. Il bilancio dell’attacco è di 17 feriti, oltre la morte delle due bambine kamikaze.

L’attentato è stato attribuito, dalle autorità locali, al gruppo integralista islamico ‘Boko Haram’ che dal 2009 semina morte nella regione con l’obiettivo di creare uno Stato Islamico. A causa dell’offensiva governativa, il gruppo di terroristi si è rifugiato nella foresta di Sambisa, nella zona Nord Orientale della Nigeria, ma continua a colpire la popolazione inerme attraverso attentati suicidi.

L’ultimo attentato era avvenuto solo due giorni prima a Madagali. In quel caso, si era trattato di un doppio attacco suicida, compiuto da due ragazze, che aveva causato la morte di 45 persone e il ferimento di 33, secondo quanto riferito dal portavoce del National Emergency Management Agency (NEMA) nello Stato di Adamawa.

Nigeria: attentato terroristico Boko Haram

Cartina della Nigeria

 

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.