Trump deve cadere affinché l’Europa possa risalire

Trump deve cadere per il bene dell’Europa. L’analisi di Alessandro Orsini sulla crisi tra Turchia e Stati Uniti

12 agosto 2018

Il governo Conte e lo Stato ideale tra il burro e i cannoni

Il governo Conte è chiamato a decidere quanto investire nello stato sociale e quanto negli armamenti tra tendenze contrastanti nel suo governo. L’analisi di Alessandro Orsini

15 agosto 2018

I due volti di internet: possiamo difenderci dalle notizie false?

Qual è la fonte di informazione più affidabile tra internet, radio, televisione e carta stampata? Alessandro Orsini riflette sull’informazione nell’era di internet

16 agosto 2018

Uiguri in Cina: antiterrorismo o violazione dei diritti umani?

Negli ultimi 18 mesi, la Cina ha intrapreso una massiccia campagna di repressione contro le minoranze etniche di fede musulmana nella regione occidentale del Xinjiang, in cui l’etnia maggioritaria è quella uigura.   Una campagna che vede più di 1 milione di persone recluse nei campi di concentramento e quasi due milioni di uiguri sottoposti […]

16 agosto 2018

Etiopia: a rischio il programma di riforme del premier Abiy Ahmed

L’ONG umanitaria Human Rights Watch ha chiesto al governo etiope di arrestare la crescente ondata di insicurezza nel Paese. L’unico modo in cui la popolazione potrebbe trarre beneficio dal programma di riforme del primo ministro Abiy Ahmed è che le uccisioni fossero ridotte e i responsabili perseguiti

17 agosto 2018

Offensiva contro l’ISIS in Siria, dopo un attacco mortale dei jihadisti

Alcuni funzionari delle forze di sicurezza irachene hanno dichiarato, il 17 agosto, che l’aviazione militare ha effettuato 2 attacchi aerei ai danni dello Stato islamico in Siria, uccidendo almeno 28 militanti dell’ISIS

18 agosto 2018

Onu: 4 strategie per la sicurezza in Palestina

La protezione dei civili palestinesi potrebbe essere potenziata da parte delle Nazioni Unite tramite il dispiego di forze armate, oppure di osservatori non armati, o ancora da una più forte presenza civile, o infine da una maggiore ed espansa assistenza, ha scritto il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, in un rapporto pubblicato venerdì 17 agosto

18 agosto 2018

Il pellegrinaggio alla Mecca: geopolitica e finanziamenti illeciti

Il pellegrinaggio musulmano alla Mecca, chiamato Hajj, rappresenta il quinto pilastro dell’Islam, una pietra miliare nella vita di un fedele, ma dietro questa istituzione possono nascondersi contese geopolitiche e finanziamenti illeciti a gruppi militari

18 agosto 2018

Onu condanna Rep. serba di Bosnia ed Erzegovina per genocidio di Srebrenica

Il presidente uscente dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad al-Hussein, ha condannato pubblicamente la decisione presa dal parlamento serbo-bosniaco, il quale ha revocato un rapporto del 2004 nel quale riconosceva il genocidio di Srebrenica del 1995, e ha esortato i legislatori a riconsiderare la mossa, che a suo avviso mette in pericolo la riconciliazione etnica del Paese

18 agosto 2018

Putin incontra la Merkel per parlare della situazione in Ucraina e in Siria

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, e il presidente russo, Vladimir Putin, si incontreranno, sabato 18 agosto, per parlare dei conflitti in Siria e Ucraina e del progetto del metanodotto Nord Stream 2, criticato sia da Washington che da Kiev

18 agosto 2018

Immigrazione: Germania rimanderà in Grecia alcuni migranti

Berlino ha raggiunto un accordo con Atene per rimandare in Grecia i migranti che hanno già fatto richiesta di asilo in territorio greco, secondo quanto comunicato venerdì 17 agosto da Eleonore Petermann, la portavoce del Ministero degli Interni tedesco

18 agosto 2018

L’America Latina tra Washington, Mosca e Pechino

Il capo del Pentagono Mattis inizia un viaggio in diverse capitali della regione per mettere in guardia dai legami sempre più stretti che i paesi latinoamericani stringono con Cina e Russia

18 agosto 2018

Polonia: posto il veto sulla legge elettorale per il Parlamento Europeo

Il Presidente della Polonia, Andrzej Duda, ha rifiutato di firmare la legge riguardante le elezioni del Parlamento Europeo, giovedì 16 agosto, rimandandola all’assemblea legislativa per ulteriori modifiche

18 agosto 2018

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.