Incontro Putin-Kim: Mosca vuole rafforzare i legami economici con Pyongyang

Pubblicato il 25 aprile 2019 alle 9:41 in Corea del Nord Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente russo, Vladimir Putin, e il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, si sono incontrati a Vladivostok, nell’Est della Russia, il 25 aprile. Si è trattato il primo incontro tra i due capi di Stato, che il Washington Post ha definito un forte segnale nei confronti degli Stati Uniti da parte di Mosca per dimostrare che il Cremlino può esercitare influenza sul programma nucleare nordcoreano.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa russa TASS, Putin e Kim Jong-un hanno colloquiato per circa due ore, oltrepassando il tempo di cinquanta minuti previsto dal protocollo. La conversazione è avvenuta a porte chiuse in un’aula nell’ala S della Far Eastern Federal University. I membri delle rispettive delegazioni non hanno preso parte al colloquio tra i leader, che sono stati accompagnati soltanto dagli interpreti.

Durante l’incontro, Putin ha dichiarato di supportare gli sforzi in corso per sedare le tensioni nella penisola coreana di voler rafforzare i legami economici con Pyongyang. “Sono convinto che la visita in Russia ci aiuterà a comprendere come possiamo risolvere la situazione nella penisola coreana e anche cosa può fare Mosca per supportare i processi positivi che sono stati avviati”, ha riferito il leader del Cremlino. Da parte sua, Kim ha concordato Putin che l’incontro aiuterà i due Paesi a rafforzare i rapporti. “L’attenzione del mondo è sulla penisola coreana, potremo instaurare un dialogo molto significativo per valutare congiuntamente le politiche da attuare e coordinare i nostri studi e le nostre visioni”, ha affermato il leader di Pyongyang.

Alla fine del meeting, Putin ha definito la conversazione avuta con Kim “completa” e sincera. “Abbiamo parlato di storia, delle relazioni tra i nostri Paesi e delle prospettive di sviluppo, condividendo le posizioni sulle misure da attuare per raggiungere miglioramenti”, ha specificato il presidente russo. Kim, similmente, ha riferito che il dialogo con Putin è stato costruttivo e che continuerà ad esserlo anche in futuro. “Lo ringrazio per il tempo splendido e mi auguro che le nostre negoziazioni continueranno nello stesso modo proficuo e costruttivo”, ha aggiunto.

Non è stata prevista alcuna attività congiunta dopo i colloqui. Kim è giunto in Russia il 24 aprile a bordo di un treno corazzato e, dopo ave rincontrato Putin, ha visitato la città portuale di Vladivostok, che dista 435 miglia da Pyongyang.

Mentre per Mosca, che mira a ricoprire un ruolo di primo piano nelle negoziazioni sul nucleare, il meeting dimostra il proprio crescente dominio politico a livello mondiale, specifica il Washington Post, per la Corea del Nord, invece, l’incontro con Putin è stata un’opportunità per salvare la faccia dopo il fallimento dei colloqui con gli Stati Uniti. Kim e Trump si sono incontrati per la seconda volta il 27 febbraio a Hanoi, in Vietnam dove, tuttavia, la conversazione è stata interrotta alla luce del mancato raggiungimento di un accordo per lo smantellamento delle armi nucleari di Pyongyang. I colloqui tra le due parti sono crollati inaspettatamente anche causa di un disaccordo sulle sanzioni economiche.  

Preoccupato per l’incontro con Putin, il Dipartimento di Stato americano, la scorsa settimana, ha mandato il proprio inviato per la Corea del Nord, Stephen Biegun, a Mosca per esercitare pressione sul Cremlino affinché sostenesse la denuclearizzazione della penisola coreana. Nel frattempo, la Corea del Nord ha emesso un comunicato contro Washington per condannare le esercitazioni militari congiunte avviate a marzo in corso con la Corea del Sud, definite “un atto di perfidia”. Nel comunicato le autorità di Pyongyang minacciano altresì di rispondere militarmente. Da parte loro, gli USA hanno riferito che le simulazioni sono state interrotte.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.