Minaccia russa: la Svezia si riarma

Pubblicato il 23 aprile 2019 alle 6:00 in Russia Svezia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Svezia ha deciso di schierare nuovamente truppe sull’isola di Gotland, nel Mar Baltico per via della “minaccia russa”. Le truppe sull’isola erano state gradualmente ridotte dopo la fine della guerra fredda, successivamente lasciata completamente senza guarnigione militare per quasi quindici anni.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la Svezia ha ridotto le spese per la difesa, riducendo la presenza militare in tutto il paese e anche nell’isola di Gotland, poi nel 2005 ha riformato il reggimento di stanza a Gotland e ha venduto la caserma che ospitava i militari di stanza sull’isola baltica.

Nel 2016, a causa del conflitto nel sud-est dell’Ucraina, e per il deterioramento delle relazioni tra la Russia e i paesi dell’Unione Europea, il parlamento svedese ha deciso di riconsiderare lo schieramento dell’esercito sull’isola. Una piccola guarnigione è tornata a Gotland nel gennaio 2018, nei prossimi mesi la nuova base sull’isola ospiterà 282 soldati, una decina di carri armati e altri mezzi blindati, secondo quanto riferiscono i media locali.

La Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo, ha lamentato la militarizzazione da parte di un paese formalmente neutrale e sottolineando come la Svezia, membro della UE ma non della NATO, consenta alle navi dell’alleanza atlantica di fare scalo nei suoi porti.

“Non sto parlando di minaccia diretta alla Svezia, sto parlando di una situazione di sicurezza che oggi è peggiore di quella di 10 anni fa. Per questo motivo, abbiamo modernizzato il nostro potenziale militare nazionale” – ha dichiarato il ministro della difesa svedese Peter Hultqvist commentando la decisione di rinforzare le difese di Gotland.

Il comandante delle forze armate di Gotland ritiene che la situazione della sicurezza nella regione sia peggiorata a causa della “Russia forte”, della maggiore attività militare di Mosca e del conflitto ucraino.

Gotland è di grande importanza per la Svezia e per tutto il Mar Baltico. Trovandosi al centro del bacino, l’isola fornisce la possibilità di controllare le rotte aeree e le vie marittime che passano tutte vicino alle sue coste.

Sin da settembre 2016 la Svezia ha iniziato ad esprimere timori per una minaccia russa, ma i motivi non sono stati resi noti. Già nel 2014 un sottomarino russo avvistato a largo di Stoccolma aveva allarmato le autorità del paese. Nell’autunno del 2017, la Svezia ha compiuto le esercitazioni militari più importanti degli ultimi 20 anni, nome in codice Aurora 2017. Le manovre sono state effettuate per “rafforzare la difesa e perfezionare l’azione in caso di un attacco contro il paese”.

Nei giorni scorsi Stoccolma aveva annunciato nuove manovre militari per reclute da tenere proprio a Gotland.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.