Il Regno Unito spia la Russia in Estonia

Pubblicato il 16 aprile 2019 alle 6:10 in Repubbliche Baltiche Russia UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I due battaglioni di riserva delle forze speciali del Regno Unito (SAS) dispiegati in Estonia sei mesi fa svolgerebbero operazioni di monitoraggio dell’attività russa nelle zone di confine, così come analisi delle sue intenzioni, anche attraverso l’utilizzo di droni spia. A riportarlo nella giornata di ieri il tabloid britannico Daily Star.

Secondo la pubblicazione, in caso di un attacco all’Estonia da parte della Russia, le truppe della SAS si troveranno nella retroguardia del nemico, da dove invieranno messaggi segreti sul movimento delle sue truppe.

Durante il vertice NATO di Varsavia del 2016, l’Alleanza ha deciso di schierare dei battaglioni multinazionali in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia, su richiesta di questi stessi paesi, per prevenire qualsiasi azione aggressiva da parte della Russia. Ogni battaglione è composto da circa 1.200 soldati provenienti dai paesi della NATO che si danno il cambio a rotazione. A dicembre, il Regno Unito, a capo del battaglione NATO in Estonia, ha annunciato che intende rafforzare la propria presenza militare nel paese baltico a partire da quest’anno.

Mosca ha più volte dichiarato che la Russia non intende attaccare nessun paese. Il ministro della Difesa Sergej Šojgu, da parte sua, ha osservato che “l’isteria della Polonia e dei Paesi Baltici ha fatto aumentare il numero delle truppe NATO al confine russo di sette volte”.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.