Diritti degli omosessuali: l’Armenia a un bivio

Pubblicato il 15 aprile 2019 alle 6:10 in Armenia Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I diritti della comunità LGBT in Armenia sono diventati un punto centrale nel dibattito politico del paese dopo l’intervento in parlamento di Lilit Martirosyan, donna transgender che per prima ha preso la parola dinanzi alla camera dei deputati di Erevan. Un evento senza precedenti in un paese socialmente molto conservatore.

“Io rappresento il popolo transgender torturato, stuprato, bruciato, accoltellato, bandito, discriminato, povero e disoccupato dell’Armenia” – ha detto Martirosyan, attivista per i diritti LGBT, ai parlamentari in un’udienza sui diritti umani lo scorso 5 aprile. Martirosyan ha continuato dicendo che i crimini di odio contro le persone transgender rimangono per lo più impuniti. “Vi esorto a portare avanti riforme e politiche per raggiungere l’uguaglianza di genere e garantire i diritti umani per tutti” – ha affermato.

L’intervento ha suscitato immediate polemiche politiche. “Come leader del Partito Armenia Prospera, capo di una famiglia intrisa di tradizioni e fede armene, dico che tutto ciò non passerà”, ha detto Gagik Tsarukyan, capo del principale partito di opposizione. “Questo è un vizio e dobbiamo nascondere il vizio come facevamo prima” – ha attaccato.

Tre giorni dopo, una folla si è radunata davanti al parlamento, chiamata a raccolta da personalità religiose e attori sociali conservatori che hanno condannato il discorso e, secondo gli attivisti LGBT, hanno minacciato violenze contro le minoranze sessuali. Alcuni dei manifestanti hanno persino chiesto la consacrazione dell’emiciclo per “ripulirlo” dopo il discorso di Martirosyan.

Il governo, che apparentemente aveva sostenuto il dibattito, si è tirato indietro. Maggioranza e opposizione hanno iniziato ad accusarsi reciprocamente di voler concedere diritti agli omosessuali. Il governo ha ricordato che è stata la precedente amministrazione, di Serzh Sargsyan, caduta dopo la rivoluzione di velluto di aprile 2018, a concedere a Martirosyan il diritto di cambiare nome sul passaporto. 

La missione della UE a Erevan e le ambasciate degli stati membri della UE hanno rilasciato una dichiarazione che condanna “l’incitamento all’odio, comprese le minacce di morte dirette contro  Lilit Martirosian, i suoi colleghi e la comunità LGBT nel suo insieme”.

La dichiarazione ha provocato una dura risposta del Ministero degli affari esteri dell’Armenia. “I nostri partner internazionali dovrebbero dimostrare più rispetto e sensibilità nei confronti della società armena e astenersi dall’indebito intervento nel dibattito pubblico, anche se non sono d’accordo con i toni e i contenuti” – ha dichiarato Anna Naghdalyan, portavoce del ministero.

Tuttavia, il dibattito ha provocato anche molte reazioni positive, soprattutto sui social network, con molti giovani che sottolineano come l’omosessualità sia sempre più accettate in Armenia, nonostante un’opposizione sociale molto forte. Anche dalla diaspora giungono commenti positivi e si legge il dibattito sui diritti LGBT come un altro passo in avanti della rivoluzione sociale in corso nel paese caucasico. 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.