Pompeo in Sud America per sostenere Guaidó

Pubblicato il 12 aprile 2019 alle 8:35 in America Latina USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

È iniziata in Cile la visita di stato del segretario di Stato, Mike Pompeo, in America del Sud. Giunto l’11 aprile nella capitale cilena, dove incontrerà nel corso della giornata di oggi, venerdì 12 aprile, il presidente Sebastián Piñera e il ministro degli Esteri, Roberto Ampuero, secondo quanto confermato dall’ambasciata statunitense in Cile. Santiago è la prima tappa di un tour che porterà Pompeo anche in Paraguay, Perù e Colombia.

Come spiegato dai rappresentanti diplomatici statunitensi ai media cileni, lo scopo della visita ufficiale è quello di “evidenziare la leadership regionale del Cile, i forti legami economici tra i due paesi, la cooperazione bilaterale nel campo della scienza e della tecnologia, e la cooperazione in materia di sicurezza, comprese le questioni informatiche”.

Senza dubbio, tuttavia, il tema principale della visita del responsabile della politica estera dell’amministrazione Trump, sarà la crisi in Venezuela e il sostegno a Juan Guaidó, sulla cui efficienza come leader dell’opposizione a Maduro iniziano a serpeggiare dubbi. La crisi venezuelana è aggravata dalla mancanza o dalla carenza di servizi di base e forniture per la popolazione, in particolare per i più vulnerabili e per gli ammalati, a oltre due mesi dall’inizio dello scontro tra il governo di Nicolás Maduro e il presidente auto-proclamato Juan Guaidó. 

“La visita del segretario di Stato sarà l’ occasione per rinnovare e rafforzare l’impegno condiviso per la difesa della democrazia e dei diritti umani impegni, evidenziare le migliori opportunità per la prosperità e la sicurezza dei nostri cittadini e di raccogliere consensi per la democrazia in Venezuela” – ha sottolineato la rappresentanza diplomatica USA a Santiago. Il Cile ospiterà lunedì 15 aprile il vertice del Gruppo di Lima, l’organizzazione che riunisce 12 paesi latinoamericani e il Canada intenti ad affrontare con una voce sola la crisi venezuelana. Il Gruppo di Lima riconosce Juan Guaidó, ma si oppone ad un intervento militare, sostenuto invece dagli USA.

La visita in Cile fa parte di un tour più ampio che porterà anche il Segretario di Stato in Paraguay, Perù e Colombia, per approfondire le relazioni della potenza nordamericana con i paesi della regione.

Sabato 13 aprile Pompeo sarà a Asunción dove si incontrerà con il presidente del Paraguay Mario Abdo Benítez e con il ministro degli esteri, Luis Alberto Castiglioni “al fine di rafforzare la nostra partnership e combattere la criminalità e la corruzione transnazionale, rafforzare i legami economici e sostenere la democrazia venezuelana”. Secondo Castiglioni la visita di Pompeo è “una dimostrazione importante del sostegno USA alla politica internazionale del Paraguay”.

Lo stesso giorno Pompeo volerà a Lima, in Perù, dove incontrerà Martín Vizcarra e il ministro degli Esteri Néstor Popolizio, che ha assunto l’incarico il 2 aprile scorso, per discutere del sostegno ai rifugiati venezuelani, la manifesta leadership del Paese andino nel gruppo di Lima, che si incontrerà a Santiago del Cile lunedì 15 aprile per analizzare la situazione in Venezuela, e la cooperazione in materia di criminalità transnazionale, crescita economica e altre questioni bilaterali.

Domenica 14 aprile, prima di rientrare a Washington, Mike Pompeo farà anche una breve sosta a Cúcuta, in Colombia, principale punto di arrivo e centro di accoglienza dei migranti venezuelani, che in Colombia superano ormai il milione e mezzo. A Cúcuta visiterà le entità che accolgono e appoggiano i rifugiati venezuelani e valuterà assieme alle autorità colombiane le sfide causate dalla chiusura del confine.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.