Trump chiede a Russia e Cina di ridurre spese armamenti

Pubblicato il 6 aprile 2019 alle 6:10 in Cina Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che Washington, Mosca e Pechino dovrebbero mettersi d’accordo e spendere meno per gli armamenti.

La Russia, la Cina e gli Stati Uniti producono armi per centinaia di miliardi di dollari, comprese le armi nucleari. E’ semplicemente ridicolo, direi che sia la Cina che la Russia saranno d’accordo che non ha senso”, ha affermato il presidente statunitense in un incontro con il vice premier della Cina Liu He che è stato trasmesso da diversi canali televisivi americani.

Trump ha quindi suggerito che Mosca, Washington e Pechino dovrebbero “mettersi d’accordo insieme per non realizzare queste armi”. “I nostri tre paesi possono essere d’accordo e fermare la spesa per gli armamenti e iniziare a spendere per cose più produttive per un mondo più sicuro”, ha dichiarato.

Il presidente degli Stati Uniti ha poi lanciato un appello al vice primo ministro cinese e lo ha invitato a esprimere il suo parere sul fatto che i fondi potrebbero essere spesi per altri scopi.

“Penso che sia un’ottima idea”, ha risposto Liu.

In precedenza, il presidente Trump aveva annunciato il ritiro degli Stati Uniti dal trattato sui missili a medio e corto raggio (INF), ma non ha escluso la possibilità di lavorare a un altro accordo sul controllo degli armamenti che includa anche la Cina.

Da parte sua, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato lo scorso 2 febbraio che Mosca risponderà specularmente alla decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dal trattato INF e che avrebbe sospeso l’osservanza del trattato. Il leader russo ha anche aggiunto che la Russia non dovrebbe e non si farà coinvolgere nella costosa corsa agli armamenti iniziata dagli Stati Uniti. Allo stesso tempo, Putin ha affermato che tutte le proposte per il disarmo della Russia “rimangono sul tavolo e tutte le porte sono aperte”.

Lo scorso 4 marzo, Putin ha firmato un decreto che sospende l’attuazione dell’INF.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.