USA: nuove sanzioni contro influenza russa in Venezuela

Pubblicato il 20 marzo 2019 alle 7:50 in Russia Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Sul sito internet del Congresso degli Stati Uniti è stato pubblicato un disegno di legge che prevede l’imposizione di sanzioni contro cittadini russi e altri stranieri che sostengono il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

“La crescente influenza russa nell’emisfero occidentale è fonte di preoccupazione per gli Stati Uniti e per i nostri alleati nella regione”, si legge nel documento.

Il disegno di legge prevede, in particolare, il divieto di rilascio del visto USA per gli stranieri “che agiscono nell’interesse del governo russo a sostegno delle forze di sicurezza venezuelane”.

I membri del Congresso hanno fatto inoltre riferimento al trasferimento in Venezuela di due bombardieri Tu-160, che hanno partecipato adesercitazioni militari nel dicembre dello scorso anno.

L’iniziativa è stata avviata dalla deputata del Partito Democratico Debbie Wasserman-Schultz.

La Russia fornisce a Maduro un sostegno finanziario attraverso ingenti prestiti alla compagnia petrolifera statale Petróleos de Venezuela (PDVSA).

“La posizione di Mosca nei confronti di Caracas rimmarrà invariata”, ha dichiarato nella giornata di venerdì scorso il ministro degli esteri della Federazione Russa, Sergej Lavrov, durante l’incontro con il suo omologo Jorge Arreaza a Vienna a margine della 62 Sessione della Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti.

Il ministro Arreaza, inoltre, ha osservato che la recente visita della vicepresidente venezuelana Delcy Rodriguez “ha avuto molto successo”.

Da parte sua, Lavrov ha sottolineato che Mosca sostiene i diritti del Venezuela come membro alla pari della comunità internazionale e che la sua posizione riguardo il sostegno a Maduro rimanrrà invariata.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri venezuelano ha dichiarato che il Venezuela non chiederà forniture di armi dalla Federazione Russa, anche se continuerà la cooperazione militare con Mosca.

Alla fine di gennaio, l’opposizione venezuelana ha tentato un colpo di stato e il presidente del parlamento, Juan Guaidó, si è autoproclamato presidente ad interim del Paese. Questa azione è stata appoggiata dagli Stati Uniti e da oltre 50 paesi.

Oltre che dalla Russia, Maduro, che rimane attualmente il legittimo presidente costituzionalmente eletto del paese caraibico, è sostenuto da diversi paesi tra cui spiccano Cuba, partner storico di Caracas, Messico, Cina, Turchia e Indonesia.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.