Messico: 9 persone uccise in scontri tra narcos

Pubblicato il 14 marzo 2019 alle 6:20 in Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Secondo quanto riportato dai media messicani, almeno nove persone sono rimaste uccise nella città messicana di Puebla durante alcuni scontri tra fazioni rivali di cartelli della droga.

Come riporta il quotidiano messicano La Verdad, sono stati rinvenuti in un primo momento avvolti nel cellophane i corpi di due uomini e una donna. Accanto ai cadaveri è stato trovato anche un messaggio da parte del cartello di Sinaloa.

Successivamente, la polizia locale di Puebla, capoluogo dell’omonimo Stato messicano, ha rinvenuto altri quattro corpi  con un altro messaggio, ma questa volta da parte del cartello di Jalisco. Altri due uomini, invece, sarebbero stati uccisi in diverse parti della città in circostanze ancora da chiarire.

Il ministro della Pubblica Sicurezza dello Stato messicano di Puebla, Manuel Alonso García, ha confermato in un comunicato che i nove omicidi sono collegati ai trafficanti di droga e al furto di carburante.

Negli ultimi anni una grande ondata di violenza ha colpito il Messico. Ciò è riconducibile, in gran parte, alle lotte tra cartelli, o addirittura tra fazioni rivali di uno stesso cartello, per il controllo del transito di droga verso gli Stati Uniti. Nel 2018, il Messico ha registrato un numero record di omicidi. Il Ministero della Sicurezza ne ha riportati più di 33mila. Questa cifra ha battuto il record registrato l’anno precedente, quando gli omicidi sono stati circa 31mila.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.