Afghanistan: raid aerei USA uccidono 13 civili

Pubblicato il 11 marzo 2019 alle 19:35 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli attacchi aerei americani sotto l’egida della NATO effettuati domenica 10 marzo sul suolo afghano hanno causato 13 vittime civili, tra cui diversi bambini.

Gli attacchi in Afghanistan orientale sono stati portati avanti a sostegno di un’operazione dell’esercito di Islamabad contro i talebani. I membri di una forza d’attacco afghana

Almeno 13 civili, tra cui diversi bambini, sono stati uccisi in attacchi aerei americani nell’Afghanistan orientale che sono stati portati avanti a sostegno di un’operazione condotta dagli afghani contro i talebani, hanno detto oggi funzionari locali e anziani tribali. I membri di una forza d’attacco afghana, sponsorizzata dalla C.I.A., hanno richiesto il supporto aereo dopo aver subito ingenti danni, sabato  9 marzo, durante uno scontro contro i talebani nel distretto di Hesarak nella provincia di Nangarhar.

Secondo quanto riportato da un anziano tribale, i raid aerei hanno colpito due case nel villaggio di Naser Khil. In una casa, secondo la testimonianza,  il medico del villaggio, sua moglie e le loro cinque figlie adolescenti sono state uccise. Nell’altro, le vittime sarebbero il fratello del dottore, soldato, sua moglie ei loro quattro figli.

Shah Mahmood Miakhel, il governatore della provincia di Nangarhar, ha dichiarato che anche un importante comandante talebano è stato ucciso durante i raid aerei. Il governatore ha aggiunto poi che il numero esatto di civili uccisi non era ancora stato stabilito.

Una portavoce della missione americana sotto la NATO, Debra Richardson, ha confermato i raid aerei, ma non ha affrontato direttamente le notizie sulle vittime civili, affermando solo che stava esaminando la questione. Ha tuttavia aggiunto che il raid aereo è stato effettuato per autodifesa e che le milizie afghane avevano puntato come obiettivo un centro talebano. Richardson ha dichiarato che le truppe NATO stanno “combattendo in un ambiente complesso contro coloro che intenzionalmente uccidono e usano i civili come scudi”, e che le truppe USA si attengono ai più alti standard “di accuratezza e sensibilità”.

Le squadre di sciopero afghane  addestrate e supervisionate dalla C.I.A. rappresentano una forza efficace contro alcuni dei gruppi militanti più brutali del paese. Ma sono stati anche collegati a abusi diffusi, compiendo torture e uccisioni con quasi impunità. Operano in parallelo con l’esercito degli Stati Uniti, ma in base a regole più sciolte. Negli ultimi mesi, le forze armate americane hanno aumentato gli attacchi contro i talebani, cercando un punto di leva mentre i negoziatori americani intrattengono colloqui di pace con i militanti. Le morti civili da attacchi aerei sono aumentate del 39% durante i primi nove mesi del 2018, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo le Nazioni Unite. Il mese scorso, almeno 10 civili sono stati uccisi durante attacchi aerei americani nella provincia meridionale di Helmand. La questione delle vittime civili è stata sollevata a gennaio durante i colloqui tra i talebani e i rappresentanti americani a Doha, in Qatar.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.