Russia: approvata legge contro diffusione ‘fake news’

Pubblicato il 8 marzo 2019 alle 6:20 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nella giornata di ieri, giovedì 7 marzo, la Duma di Stato ha approvato in terza e ultima lettura il disegno di legge che vieta la diffusione di notizie non affidabili socialmente significative, meglio conosciute come ‘fake news’.

Il disegno di legge era stato presentato alla Duma alcuni mesi fa da un gruppo di parlamentari, così come da alcuni senatori.

La legge proibisce la diffusione di informazioni inaffidabili socialmente significative sotto forma di notizie affidabili “che mettono a rischio o danneggiano la salute dei cittadini, le proprietà, l’ordine pubblico o paventano la possibilità di chiusura delle strutture che forniscono alla comunità servizi di prima necessità quali infrastrutture di trasporto, istituti di credito, impianti energetici, industrie”.

Con l’entrata in vigore della legge, dopo aver riscontrato l’inesattezza di una notizia pubblicata su internet, il procuratore generale dovrà rivolgersi all’authority federale per le telecomunicazioni, Roskomnadzor, con la richiesta di adottare misure per limitare l’accesso contro la pagina web o il profilo social che diffonde la fake news. Sulla base della richiesta del Procuratore Generale, Roskomnadzor notifica immediatamente all’imputato l’obbligo di cancellare i contenuti non veritieri. Secondo la legge, il responsabile dovrà rimuovere immediatamente i contenuti specificati al momento della ricezione della notifica.

Nel caso in cui il responsabile non rimuova immediatamente la notizia contraffatta, Roskomnadzor invia ai provider la richiesta per intraprendere misure relative alla limitazione dell’accesso degli utenti al media in questione, oppure la sua chiusura. Il provider è dunque obbligato a eseguire immediatamente la richiesta di oscuramento pervenuta dall’authority federale.

Conseguentemente, se il responsabile rimuove la notizia contestata, invia una notifica al Roskomnadzor che, dopo averne accertato la rimozione, notifica immediatamente al provider di ristabilire l’accesso alla pagina web.

La procedura, tuttavia, non si applica contro i portali che riprendono la notizia.

I media che violano la legge sono soggetti esclusivamente a responsabilità amministrativa. Sono previste multe che variano in base a se il trasgressore è una persona fisica o una societa e secondo l’entità del contenuto falso diffuso dalla notizia.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.