USA posizionano sistema di difesa missilistico THAAD in Israele per esercitazione congiunta

Pubblicato il 6 marzo 2019 alle 7:42 in Israele USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli Stati Uniti hanno posizionato il sistema di difesa missilistico avanzato THAAD, temporaneamente, in Israele, per condurre un’esercitazione militare congiunta.

Si tratta della prima simulazione di tale genere, nonostante i due Stati effettuino regolarmente manovre militari per testare la coordinazione e la prontezza delle proprie forze. secondo quanto riferito da alcuni ufficiali ad al-Monitor. I due Paesi hanno confermato il posizionamento del sistema, con Israele che ha sottolineato che tale decisione “non è legata ad alcun evento particolare”.

Israele dispone del proprio sistema di difesa missilistico, ma l’obiettivo dell’esercitazione è esaminare come poter incorporare il THAAD per un eventuale acquisizione futura, ha specificato il portavoce militare Jonathan Conricus. La simulazione permetterà altresì alle forze americane di testare il posizionamento veloce del sistema missilistico. “La vediamo come un’opportunità per verificare l’integrazione del sistema americano all’interno delle forze aeree israeliane”, ha specificato Conricus ai giornalisti.

L’esercitazione includerà oltre 200 membri del personale militare americano, anche alcuni italiani, e diversi radar e sistemi di lancio. Gli ufficiali israeliani hanno riferito che il THAAD verrà posizionato nel Sud del Paese, anche se non hanno dato indicazioni più specifiche sulle tempistiche e sulla logistica delle operazioni. Tale sistema di difesa è in grado di distruggere missili a raggio corto, medio e intermedio. Nel 2017, gli USA hanno approvato la sua vendita all’Arabia Saudita, permettendo a Riad di procurarsi le capacità per intercettare e neutralizzare eventuali razzi lanciati dall’Iran. Teheran è considerata il principale nemico di Israele e degli USA nella regione mediorientale.

Il THAAD è stato altresì fornito a Qatar, Emirati Arabi Uniti e Corea del Sud, per difendersi dalla minaccia nordcoreana. Quest’ultimo caso ha provocato la reazione della Cina, la quale teme che i suoi sensori possano penetrare lo spazio aereo cinese. La Lockheed Martin, il principale produttore di armi americano, costruisce anche il sistema THAAD.

Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha accolto positivamente l’inizio dell’esercitazione, definendola “un’ulteriore testimonianza dell’impegno americano per la sicurezza di Israele”.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.