Annunciate le date dell’apertura della nuova ambasciata USA a Gerusalemme

Pubblicato il 21 febbraio 2019 alle 11:03 in Israele USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il consolato generale degli Stati Uniti a Gerusalemme, attualmente predisposto a gestire i legami con la componente palestinese, sarà fuso con la nuova ambasciata statunitense a Gerusalemme tra il 4 e il 5 marzo, creando una struttura unica per israeliani e palestinesi, ha dichiarato un funzionario americano il 20 febbraio.

La decisione dell’amministrazione di Donald Trump di fondere il consolato per i palestinesi con la nuova ambasciata israeliana nella città santa era già stata annunciata lo scorso ottobre dal segretario di Stato americano, Mike Pompeo, tuttavia, all’epoca non era chiaro quando la fusione avrebbe avuto luogo.

Vista la prossimità dell’evento, occorre evidenziare che il consolato generale degli Stati Uniti, ad oggi un ufficio che gestisce i rapporti con i palestinesi, sarà sostituito da una nuova unità per gli affari palestinesi posta all’interno dell’ambasciata israeliana. Alla luce di ciò, l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) ha condannato la mossa politica dell’amministrazione Trump, insinuando che il provvedimento potrebbe rendere gli Stati Uniti l’unica grande potenza priva di un ufficio di rappresentanza specifico per i palestinesi.

Pompeo, da parte sua, ha negato che la decisione in questione rappresenti uno spostamento nei rapporti con l’Autorità Palestinese, affermando che l’amministrazione Trump si sta impegnando molto per raggiungere una pace duratura e globale, volta ad offrire un futuro più luminoso sia agli israeliani sia ai palestinesi.

Il 6 dicembre 2017, il leader della Casa Bianca aveva riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e aveva deciso di spostare l’ambasciata statunitense da Tel Aviv alla Città Santa. Tuttavia, i palestinesi rivendicano la parte orientale della città, che Israele sottrasse al controllo della Giordania durante la guerra dei Sei Giorni del 1967, come propria capitale. Da parte sua, il governo israeliano considera invece tutta Gerusalemme come proprio capoluogo, ma ciò non è riconosciuto a livello internazionale.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Alice Bellante

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.