Libia: USA smentiscono partecipazione a raid contro al-Qaeda

Pubblicato il 15 febbraio 2019 alle 13:34 in Libia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’esercito americano ha smentito la propria partecipazione ad un raid che, nei giorni passati, ha colpito un sito di al-Qaeda presso la città di Ubari, nel Sud-Ovest della Libia, nella regione del Fezzan.

La notizia era stata annunciata dal portavoce del Consiglio presidenziale di Tripoli, Mohamed El Sallak, il quale aveva riferito che l’operazione era stata condotta congiuntamente da forze libiche e dello US Africa Command. Quest’ultimo ha chiarito che, nonostante gli USA supportino gli sforzi antiterrorismo del governo di Tripoli, le sue forze non hanno partecipato al raid in questione.

Da quando il dittatore libico, Muammar Gheddafi, è stato rovesciato ed eliminato attraverso l’intervento della NATO, guidato da Stati Uniti e Francia, nell’ottobre 2011, la Libia non ha mai compiuto una transizione democratica. Ancora oggi, il potere politico è diviso in due governi. Il primo, con sede a Tripoli e guidato da Serraj, sostenuto dalle Nazioni Unite e dall’Italia. Il secondo, con sede a Tobruk, è appoggiato da Russia, Egitto, Francia ed Emirati Arabi Uniti. L’assenza di una guida unitaria del Paese, in grado di controllare efficacemente tutto il territorio nazionale ed i suoi confini, ha fatto sì che i trafficanti di esseri umani, i gruppi armati ed i terroristi portassero avanti indisturbati le proprie attività a danno dei cittadini e dei migranti, che sono vittima di abusi continui, venendo catturati per poi essere costretti ai lavori forzati.

Una volta iniziato il mandato presidenziale, il 20 gennaio 2017, Donald Trump ha disimpegnato gli USA in Libia. Tale posizione è stata confermata dal leader della Casa Bianca nel corso di una conferenza, il 20 aprile 2017, con l’allora premier italiano, Paolo Gentiloni.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.