USA pianificano di acquisire 2 batterie antimissile Israeliane

Pubblicato il 18 gennaio 2019 alle 17:19 in Israele USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’esercito americano sta pianificando di acquistare due batterie antimissili Iron Dome, di manifattura israeliana, e di posizionarle il prossimo anno, per un progetto del valore di 1,7 miliardi di dollari. Ciò, spiega il quotidiano israeliano The Times of Israel, permetterà alle truppe americane di difendersi maggiormente di fronte alla minaccia di missili da crociera.

La decisione, che non è ancora stata annunciata ufficialmente dal Pentagono o dal Ministero della Difesa israeliano, è stata diffusa a distanza di un anno dalla revisione interna effettuata dagli Stati Uniti delle proprie difese aeree a corto raggio, che ha riguardato la necessità di acquisire il sistema Iron Dome, un sistema antimissile norvegese o un sistema di manifattura statunitense, per colmare il gap nei confronti delle potenziali minacce da parte di Russia e Cina.

Al momento, l’esercito americano sta pianificando di spendere complessivamente 373 milioni di dollari per comprare due sistemi di difesa israeliani. Dal momento che la decisione di acquisite gli Iron Dome è stata presa dopo che il Congresso stava calcolando il piano di spesa per l’esercito per il 2019, la mossa imporrà che i giuristi spostino 289 milioni di dollari di altri progetti. Inoltre, l’esercito USA ha proposto di spendere 1,6 miliardi di dollari entro il 2024 per completare ed integrare i sistemi missilistici con i radar americani Sentinel e IBCS.

Le due batterie Iron Dome consistono in 12 lanciatori, 2 rada, 2 centri di gestione e 240 intercettatori. Dal 2011, il Congresso ha fornito a Israele oltre 1.4 miliardi di dollari per le batterie Iron Dome, sviluppate dal Rafael Advanced Defense Systems. Per di più, nel 2014, i governi dei due Paesi hanno firmato un accordo di co-produzione per permettere ad alcune porzioni del sistema Iron Dome di essere prodotte negli Stati Uniti.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.