Putin e Macron discutono la situazione in Ucraina

Pubblicato il 3 gennaio 2019 alle 21:00 in Russia Ucraina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

l presidente Vladimir Putin e il presidente francese Emmanuel Macron hanno avuto uno scambio di opinioni sulla crisi ucraina nel corso di una conversazione telefonica. A riferirlo il servizio stampa del Cremlino.

“È continuato lo scambio di opinioni sulla crisi interna ucraina, tenendo conto della provocazione ucraina nello stretto di Kerch dello scorso 25 novembre”, si legge nella nota.

Il 25 novembre le cannoniere ucraine Berdyansk e Nikopol e il rimorchiatore Yany Kapu hanno attraversato il confine marittimo russo. Secondo l’FSB, il servizio segreto della Federazione Russa, le navi hanno navigato verso lo stretto di Kerch, un accesso al Mar d’Azov, dove sono state poi sequestrate dalla Russia a causa della mancanza di risposta a una richiesta legittima di fermarsi.

Il 26 novembre, a seguito dell’incidente, il Parlamento ucraino ha approvato il decreto del presidente Petro Poroshenko di imporre la legge marziale in alcune regioni per 30 giorni.

La Russia ha aperto un procedimento penale per violazione del confine di Stato e ha proposto di discutere la situazione nel Mar D’Azov al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma la maggioranza dei votanti ha bloccato la richiesta.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha definito la situazione nello Stretto di Kerch “una chiara provocazione”. Secondo quanto dichiarato dal diplomatico, infatti, Kiev avrebbe palesemente e volutamente violato le principali disposizioni del diritto internazionale.

Commentando l’introduzione della legge marziale in Ucraina, Lavrov ha affermato che Kiev sta cercando di capovolgere una situazione che viene percepita dalla popolazione sempre più negativamente.

Da parte sua, a proposito dell’incidente nello Stretto di Kerch, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia “si è limitata ad agire secondo il diritto internazionale e le leggi nazionali, dal momento che ha semplicemente reagito ad un’invasione di navi da guerra straniere in acque russe”.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.