Ex marine americano arrestato a Mosca per spionaggio

Pubblicato il 2 gennaio 2019 alle 21:00 in Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il cittadino americano Paul Whelan, arrestato a Mosca durante un’operazione di spionaggio, era stato precedentemente congedato con disonore dall’esercito per furto e visitava regolarmente la Russia.

Secondo quanto pubblicato in un articolo del quotidiano statunitense The Washington Post, Whelan si recava regolarmente in Russia dal 2007.

Alcuni suoi conoscenti russi, intervistati dal giornale, hanno raccontato che l’ex militare ama la Russia e possiede una conoscenza di base della lingua.

Nell’articolo si legge inoltre che Paul Whelan è entrato nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti nel 1994 ed ha servito per due volte in Iraq, nel 2004 e nel 2006. Nel 2008 è stato congedato con disonore dall’esercito per comportamento scorretto, dopo essere stato condannato per diverse violazioni legate a furti.

La compagnia statunitense BorgWarner aveva precedentemente riferito che Whelan è il suo responsabile della sicurezza.

Gli agenti dei servizi segreti russi hanno arrestato il cittadino americano Paul Whelan con l’accusa di spionaggio mentre si trovava a Mosca. È stata ufficialmente aperta un’inchiesta.

Secondo il fratello di Whelan, l’ex marine si sarebbe recato a Mosca per un matrimonio.

Da parte sua, il governo statunitense non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali in materia e non ha ancora confermato che la persona arrestata per spionaggio dall’FSB sia effettivamente l’ex marine Paul Whelan.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.