Tunisia: Guardia Costiera soccorre 45 migranti

Pubblicato il 31 dicembre 2018 alle 10:32 in Immigrazione Tunisia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Guardia Costiera tunisina ha soccorso 45 migranti, domenica 30 dicembre, al largo delle isole Kerkennah, ad Est della costa della Tunisia.

Gli stranieri, la maggior parte dei quali provenienti dall’Africa sub-sahariana, sono stati torbati in buone condizioni. L’imbarcazione sulla quale viaggiavano si è guastata ed ha iniziato ad affondare in prossimità di Sfax, ha riferito il portavoce della Guardia Nazionale, Houssemeddine Jebabli. A bordo sono state rinvenute die algerini e due donne incinte, le quali hanno riferito di aver lasciato la Libia per dirigersi in Europa. Una volta portati sula terraferma, i migranti sono stati affidati alla Croce Rossa tunisina.

Nel corso dell’ultimo anno, la Tunisia è divenuta man mano uni dei principali punti di partenza per i migranti, soprattutto per quelli originari dell’Africa sub-sahariana. Inoltre, anche il numero dei cittadini tunisini che lasciano il Paese per raggiungere l’Europa è in aumento. Secondo le stime del Ministero dell’Interno italiano, dal primo gennaio al 28 dicembre 2018, sono stati 5.115 i tunisini giunti in Italia, costituendo la principale nazionalità di stranieri sbarcata in territorio italiano dall’inizio dell’anno0, seguita da eritrei, iracheni, sudanesi e pakistani.

Nella prima metà del 2018, circa 2.660 persone sono state arrestate in Tunisia mentre cercavano di imbarcarsi alla volta dell’Europa. Si tratta di un aumento significativo rispetto ai soli 564 casi registrati nello stesso periodo del 2017. 

L’anno scorso, sono stati 9.329 i migranti tunisini che hanno tentato di raggiungere l’Italia. Di questi, il 66% è riuscito ad arrivare sulle nostre coste, mentre il restante 34% è stato bloccato dalle autorità di Tunisi. Secondo il Viminale, l’anno scorso sono sbarcati illegalmente in Italia complessivamente 6.151 tunisini. In particolare, la maggioranza degli arrivi si è verificata a partire dai mesi estivi, in concomitanza ad una drastica diminuzione di sbarchi dalla Libia, principale porto di partenza dei migranti del Nord Africa. Diversi naufragi mortali hanno avuto luogo negli ultimi mesi, tra cui il più grave il 3 giugno quando 87 persone hanno perso la vita al largo delle coste tunisine meridionali.

Consulta l’archivio sull’immigrazione di Sicurezza Internazionale, dove troverai centinaia di articoli in ordine cronologico.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.