Conte in Libia: incontra Serraj e Haftar separatamente

Pubblicato il 24 dicembre 2018 alle 13:11 in Italia Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il premier Conte si è recato in visita ufficiale in Libia, domenica 23 dicembre, a Tripoli, dove ha incontrato il presidente del Consiglio presidenziale, Fayez Serraj, ed il presidente dell’Alto Consiglio di Stato, Khaled Al Meshri. Secondo quanto riportato dal comunicato ufficiale del Consiglio dei Ministri, Conte ha altresì visitato la base navale di Abu Sitta per porgere i saluti al personale militare italiano in missione a Tripoli. Successivamente, il premier italiano si è recato a Bengasi, dove ha incontrato il generale Khalifa Haftar, uomo forte del governo di Tobruk e capo dell’Esercito Nazionale Libico (LNA), insieme al presidente della Camera dei Rappresentanti, Aghilla Issa Saleh.

Conte e Haftar si erano già incontrati il 6 dicembre, a Palazzo Chigi, per colloquiare in merito ai seguiti della Conferenza di Palermo del 12 e 13 novembre, organizzata dall’Italia.

Da quando il regime del dittatore Muammar Gheddafi è stato rovesciato dall’intervento della NATO, nell’ottobre 2011, la Libia non è mai riuscita a compiere una transizione democratica. Tra il 2012 e il 2014, il Paese è giunto nuovamente sull’orlo di una guerra civile, che ha portato alla formazione di due governi rivali, uno insediato a Tripoli e uno a Tobruk. Il 17 settembre 2015, l’accordo di Skhirat ha dato vita al Governo di Accordo Nazionale (GNA), con a capo Serraj, che avrebbe dovuto unificare il panorama politico libico. Tuttavia, gli altri due governi non l’hanno mai riconosciuto, così che Serraj è riuscito ad insediarsi a Tripoli soltanto il 30 marzo 2016 e, da allora, le autorità libiche continuano ad essere divise in due governi.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.