Russia-Italia: migliora la cooperazione

Pubblicato il 19 dicembre 2018 alle 15:00 in Italia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Migliora la cooperazione tra Russia e Italia sia in campo commerciale che in materia di sicurezza. A dichiararlo, rispettivamente, il ministro dell’Industria e del Commercio della Federazione Denis Manturov e il vicesegretario del Consiglio di sicurezza federale Aleksandr Venediktov.

In ambito commerciale, la Russia e l’Italia hanno concordato di unire le proprie competenze in vari settori per lavorare insieme in Paesi terzi. Lo ha reso noto Denis Manturov, ministro dell’Industria e del Commercio della Federazione russa al termine della sua visita ufficiale in Italia, dove ha incontrato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ed ha preso parte all’incontro del Consiglio italo-russo per la cooperazione economica, industriale e finanziaria.

“In linea di principio, abbiamo concordato di lavorare assieme nei mercati di Paesi terzi, tenendo conto delle nostre reciproche competenze industriali e in materia di infrastrutture. Crediamo che dall’esperienza con altri Paesi, sia meglio, citando un proverbio russo, guadagnare con gli intraprendenti che perdere con gli stupidi. Pertanto siamo sostenitori della cooperazione con i partner negli ambiti del business e delle nuove tecnologie per primeggiare nei mercati dei Paesi terzi” – ha affermato il ministro Manturov.

Manturov ha inoltre affermato che le autorità italiane e il premier Conte in prima persona sono determinate a garantire, almeno in linea di principio, che le sanzioni contro la Russia vengano revocate quanto prima.

Con Conte il ministro russo non ha discusso, invece, di aiuti umanitari italiani in Siria. “Onestamente, non ho toccato questo tema; l’agenda era così ampia che non abbiamo discusso di tutte le questioni internazionali, compresa la cooperazione con i paesi terzi, quindi, sfortunatamente, questo aspetto non è stato affatto affrontato” – ha detto il ministro che ha comunque sottolineato lo sviluppo promettente della cooperazione italo-russa questa direzione.

Sul miglioramento della cooperazione tra Roma e Mosca in ambito della sicurezza è intervenuto il vicesegretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione russa, Aleksandr Venediktov.

“Nella continua evoluzione delle circostanze, l’apparato del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa ha prontamente risposto alle sfide e alle minacce presentatesi in ambito di politica estera – ha affermato Venediktov all’agenzia di stampa russa Ria Novosti – Siamo riusciti a espandere significativamente i nostri contatti internazionali, anche con i partner occidentali. Ad esempio, è stato possibile portare il dialogo con Francia e Italia a un livello qualitativamente nuovo. Questi paesi paesi lanciano chiari segnali che, nonostante le attuali condizioni difficili, considerano inutile e poco edificante rifiutarsi di cooperare con Mosca per risolvere i principali problemi della sicurezza internazionale”.

Il Consiglio di Sicurezza della Federazione russa si è riunito al Cremlino lunedì 17 dicembre con il presidente Vladimir Putin. Il Consiglio è un organo consultivo della Presidenza della Federazione russa che lavora sulle decisioni presidenziali in materia di sicurezza interna e internazionale, è succeduto nel 1992 al Consiglio di Sicurezza dell’Unione Sovietica. 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.