USA: andare in Russia non è più pericoloso

Pubblicato il 11 dicembre 2018 alle 18:20 in Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il dipartimento di stato degli Stati Uniti ha rimosso la Russia dall’elenco dei paesi sconsigliati per il turismo. È quanto è emerso nella giornata di oggi sul sito internet del dicastero.

La Russia sarebbe stata spostata dalla categoria di “meta sconsigliata” a quella di meta in cui è semplicemente necessario prestare attenzione, insieme con Gran Bretagna, Germania, Francia e Danimarca. In totale le categorie sono quattro. Nei paesi appartenenti alla prima si raccomanda di esercitare cautela “ordinaria”, arrivando gradualmente fino alla quarta categoria, costituita da paesi e regioni la cui visita è vietata.

Rimane invece valido il consiglio per gli americani di astenersi dal recarsi in Crimea e nel Caucaso settentrionale, dove il pericolo per la sicurezza personale rimane alto.

“Accogliamo con gioia la decisione del dipartimento di stato di annullare le raccomandazioni irragionevoli ai cittadini americani di non recarsi in viaggio in Russia”, scrive l’ambasciata russa sul suo profilo Facebook.

L’ambasciata lo considera come “un riconoscimento di una realtà ovvia”, ricordando che 167.000 americani hanno visitato Mosca soltanto durante i Mondiali di calcio di quest’anno.

“Nella nostra capitale, così come in altre città, i turisti americani hanno avuto l’occasione di vedere una Russia piuttosto diversa da quella dipinta dai media. Le vecchie storie dell’orrore hanno smesso di funzionare”, si legge nel post.

Secondo quanto dichiarato dall’ambasciata, una delle ragioni di questa decisione sarebbe stata “la pressione delle università americane e degli ambienti di esperti”, i cui contatti con i colleghi russi “troppo spesso sono stati intralciati dalle barriere burocratiche”.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.