Nigeria e Somalia: i Paesi più colpiti dal terrorismo in Africa

Pubblicato il 8 dicembre 2018 alle 7:21 in Nigeria Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

 La Nigeria e la Somalia sono i Paesi più colpiti dal terrorismo dell’Africa.

E’ quanto rende noto il Global Terrorism Index 2018, il quale ha inserito al primo e al secondo posto l’Iraq e l’Afghanistan tra gli Stati con il più alto tasso di terrorismo al mondo. Il secondo Paese africano ad essere più colpito dal terrorismo, invece, è la Somalia, che il rapporto definisce uno Stato che, nell’ultimo anno, ha subito un impatto “molto duro” del terrorismo, seguita da Egitto, Repubblica democratica del Congo, Libia, Sud Suda, Repubblica Centrafricana, Camerun, Sudan e Kenya.

Nel 2017, in Nigeria, complessivamente, sono morte 1.532 persone per terrorismo, una cifra minore del 16% rispetto al 2016. Secondo il report, tale diminuzione è stata dovuta alle operazioni antiterrorismo portate avanti dal governo di Abuja e dai Paesi vicini, quali Camerun, Niger e Ciad. L’attività terroristica in Nigeria è dominata da due gruppi, quali i jihadisti di Boko Haram e gli estremisti Fulani.

I jihadisti nigeriani, invece, nel 2017, sono stati l’organizzazione più mortale, che ha causato la morte di 1.022 persone in 222 attacchi, aumentati del 62% rispetto all’anno precedente. Gli estremisti Fulani, invece, sono stati meno attivi nel 2017, segnando una diminuzione del 60% nel numero delle morti e del 51% nel numero degli attacchi. Tuttavia, alcune stime preliminari relative al 2018 hanno registrato una maggiore violenza da parte dei Fulani.

Tale gruppo e Boko Haram sono stati responsabili del 63% degli attacchi terroristici in Nigeria e dell’88% delle morti. La terza organizzazione terroristica più attiva nel Paese africano sono gli estremisti Bachama, secondo quanto riferito dal report, i quali sono stati responsabili di 4 attacchi e 30 decessi.

In relazione alla Somalia, il documento rende noto che è stato registrato un aumento del terrorismo, con il numero di morti cresciuto del 93% rispetto al 2016. Nel Paese dl corno d’Africa l’attività terroristica è dominata da al-Shabaab, responsabile del 92% delle morti avvenute in Somalia. L’altro gruppo attivo in tale territorio, nel 2017, è stato Jabha East Africa, responsabile di 25 morti nel corso dell’anno passato. Il 2017 è stato altresì il periodo più mortale della Somalia, dove la città più colpita è stata la capitale Mogadiscio, seguita da Af Urur.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.