Salvini dice no al Global Compact sull’immigrazione: “Deciderà il Parlamento”

Pubblicato il 29 novembre 2018 alle 16:26 in Immigrazione Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha annunciato, a sorpresa, che il governo italiano non firmerà il Global Compact sull’immigrazione, e che il Parlamento deciderà se aderire o meno al trattato. Tale posizione è stata confermata dal premier Giuseppe Conte, il quale ha spiegato che, seppur il Global Compact sia compatibile con la strategia italiana, “é stato preferito creare un passaggio parlamentare in cui far condividere da parte di tutti ciò che il governo sta facendo”.

La dichiarazione di Salvini, tuttavia, come riporta l’agenzia di stampa Ansa, ha creato imbarazzo per conte, il quale aveva precedentemente reso noto in seno all’Assemblea dell’Onu che avrebbe firmato il patto sull’immigrazione. Per tale ragione, Maurizio Martina, ex segretario del Pd, ha definito l’Italia uno “zimbello globale”. Nonostante la dichiarazione di Conte fosse stata meramente d’intenti, e dunque non vincolante e senza effetti giuridici, il cambio di linea ha provocato numerose polemiche.

Mentre la Lega continua a ribadire il suo dissenso nei confronti del Migration Compact, così come Fratelli d’Italia, il Movimento Cinque Stelle, il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, sono favorevoli alla firma. La rottura tra Lega e 5 Stelle si è riscontrata anche in Europa, dove in seno al Parlamento europeo per inserire all’ordine del giorno un dibattito sulla questione, i leghisti hanno votato contro, mentre gli eurodeputati pentastellati hanno espresso il loro favore.

Salvini ha fatto notare che, “così come hanno fatto gli svizzeri che hanno portato avanti il Global Compact per lungo tempo, per poi dire stop, così il governo italiano non firmerà alcunché”, aggiungendo che dovrà essere il Parlamento a scegliere.

Il Global Compact for Migration è un accordo intergovernativo elaborato dalle Nazioni Unite nell’aprile 2017 per regolare le migrazioni internazionali. L’iniziativa costituisce un’opportunità significativa per migliorare la gestione del fenomeno migratorio, per affrontare le nuove sfide e per rafforzare il contributo fornito dai migranti allo sviluppo sostenibile. È previsto che nel dicembre 2018 l’Assemblea Generale dell’Onu tenga una conferenza intergovernativa sull’immigrazione per discutere sull’adozione del Global Compact. Ad avviso dell’Unicef, la firma di tale patto costituirà un momento molto importante, in quanto gioverà ai bambini migranti di tutto il mondo. A fine di rendere l’iniziativa efficace, l’organizzazione umanitaria ha esortato tutti gli Stati a rispettare i diritti dei minori e a proteggere gli individui più vulnerabili.

Svizzera, Austria e Repubblica Ceca, nel corso delle settimane passate, hanno reso noto che non prenderanno parte a tale patto.

Consulta l’archivio sull’immigrazione di Sicurezza Internazionale, dove troverai centinaia di articoli in ordine cronologico.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.