Marocco: soccorsi 53 migranti in mare, altri 15 morti

Pubblicato il 26 novembre 2018 alle 11:17 in Immigrazione Marocco

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Marina del Marocco ha soccorso 53 migranti e ha recuperato i corpi di altri 15 al largo delle proprie coste, dopo giorni che questi si trovavano in mare. L’imbarcazione, diretta in Spagna, si era fermata quattro giorni prima per un guasto al motore. I superstiti, tra cui 8 donne, sono stati trasferiti presso il porto di Nador. Al largo di tale porto, pochi giorni prima, la Marina marocchina aveva salvato altri 289 migranti, la maggior parte dei quali provenivano dall’Africa subsahariana.

Le autorità di Rabat hanno reso noto che, da gennaio a settembre 2018, sono stati registrati circa 68.000 tentativi illegali di raggiungere l’Europa. Complessivamente, sono state smantellare 122 bande di trafficanti. L’ultima rete criminale coinvolta in traffici di esseri umani è stata disfatta il 24 novembre dal National Brigade of Judicial Police (BNPJ) e dalla polizia di Tangeri, grazie all’utilizzo di informazioni di intelligence. Nel corso dell’operazione, sono stati arrestati 8 migranti, di cui 6 minori, e sono stati sequestrati equipaggiamenti utilizzati per i traffici irregolari, quali un veicolo, una pompa per gonfiare i gommoni e una cospicua somma di denaro marocchino.

L’azione ha fatto parte della lotta delle autorità marocchine contro il terrorismo, la criminalità organizzata e tutte le attività che minacciano la sicurezza e la sovranità del Paese. Il 29 ottobre, il BNPJ aveva arrestato 36 membri di una rete criminale coinvolta nel traffico di esseri umani a Oujda e Berkane, nel Nord-est del Marocco.

Frontex ha confermato che, dal mese di luglio, la rotta del Mediterraneo occidentale, che collega il Marocco alla Spagna, al contrario di quella centrale, ha registrato più della metà delle intercettazioni di migranti irregolari di quelle contate complessivamente in Europa. Nel solo mese di settembre, circa 6.500 stranieri sono entrati in territorio europeo attraverso tale rotta, segnando una cifra quattro volte maggiore rispetto a quella stimata nel settembre 2017. Le principali nazionalità di migranti giunti in Spagna sono marocchina, guineana e maliana.

Secondo le stime dell’organizzazione Internazionale per la Migrazione, dal primo gennaio al 21 novembre, in Spagna sono sbarcati 50.962 stranieri, attestandosi per il quarto mese consecutivo il principale porto di approdo dei migranti che dall’Africa raggiungono l’Europa. Al secondo posto c’è la Grecia, con 28.891 arrivi via mare, seguita dall’Italia con 22.541 sbarchi. Per quanto riguarda il numero dei decessi, nello stesso periodo, hanno perso la vita 2.075 migranti nel Mediterraneo, di cui 631 lungo la rotta occidentale. Nonostante il Mediterraneo centrale sia diventata la terza rotta per numero di traversate andate a buon fine, continua ad essere la zona con il più alto numero di morti, pari a 1.277.

Consulta l’archivio sull’immigrazione di Sicurezza Internazionale, dove troverai centinaia di articoli in ordine cronologico.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.