Russia: potenziale spia arrestata a Krasnodar

Pubblicato il 20 novembre 2018 alle 20:31 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Servizio federale di sicurezza (FSB)  ha arrestato lunedì 19 novembre nel territorio di Krasnodar Michail Semkov, un ufficiale di pubblica sicurezza, che voleva emigrare negli Stati Uniti per collaborare con l’intelligence statunitense, condividendo le informazioni di cui era in possesso, inclusi i segreti di stato. Lo ha reso noto la stampa locale citando fonti del servizio d’intelligence russo nella regione.

Al FSB l’uomo avrebbe raccontato di non essere soddisfatto delle proprie condizioni di vita, per questo intendeva trasferirsi negli Stati Uniti. “Temendo di non riuscire a trovare un lavoro una volta arrivato, Semkov mirava a guadagnarsi la fiducia delle autorità americane e mettersi al servizio dell’intelligence locale, a cui avrebbe passato informazioni personali su agenti di polizia, personale militare, informazioni sulle forme e sui metodi di lavoro delle forze dell’ordine russe, compresi quelli che costituiscono che sono classificati come segreto di stato” – si legge in una nota del Servizio federale di sicurezza.

Semkov adesso rischia una condanna per alto tradimento ai sensi dell’Art.275 del codice penale della Federazione russa. 

Le fonti del FSB si dicono convinte che l’uomo non avesse ancora preso reali contatti con l’intelligence statunitense, ma che per accertare i fatti saranno necessarie ulteriori indagini. Sono necessari inoltre accertamenti sulle informazioni in possesso di Semkov.

La scorsa settimana sempre nel territorio di Krasnodar, un cittadino ucraino, noto come “la spia Vova” era stato arrestato per spionaggio. L’uomo, un tassista che lavorava in tutta la zona del Kuban, nella Russia meridionale, secondo fonti dell’FSB locale era stato reclutato a Lugansk e aveva come compito quello di informare l’intelligence di Kiev sulle strutture militari nel sud della Russia, data l’alta mobilità consentitagli dalla sua professione.

Le crescenti tensioni nel Mar d’Azov hanno spinto le forze di sicurezza federali ad elevare gli standard di intelligence e di difesa nel sud della Russia.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.