Presto il voto sull’ingresso del Kosovo nell’Interpol

Pubblicato il 20 novembre 2018 alle 16:40 in Kosovo Serbia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Durante l’assemblea generale dell’Interpol, che è attualmente in corso a Dubai, si voterà sull’accesso del Kosovo nell’organizzazione, a cui la Serbia si oppone fortemente.

Il ministro degli Esteri del Kosovo, Behgjet Pacolli, si è recato a Dubai domenica 18 novembre, giornata di inizio dell’assemblea generale, che terminerà mercoledì 21 novembre. Parlando da Dubai, Pacolli si è dimostrato ottimista, dichiarando: “Siamo a poche ore di distanza da un momento importante. Credo che il Kosovo meriti l’accesso nell’organizzazione, perché si sta consolidando come Stato”. Il ministro degli Esteri ha inoltre sottolineato che per Pristina sarebbe estremamente importante entrare a far parte dell’Interpol, spiegando che, dopo la dichiarazione d’indipendenza, questo sarebbe il passo più significativo per il Paese, a cui sono stati dedicato molti sforzi.

“Come membro dell’Interpol, il Kosovo farebbe parte del sistema di sicurezza internazionale e sarebbe dunque più facile per noi combattere il crimine”, ha spiegato il ministro Pacolli, concludendo che “Il Kosovo non sarà più un buco nero e la sicurezza europea sarà più sostenibile”.

Tuttavia, Pristina dovrà fare i conti con la Serbia, che si oppone al suo ingresso nell’organizzazione. Il ministro dell’Interno serbo, Nebojsa Stefanovic, ha dichiarato che Belgrado non si arrenderà e continuerà a combattere fin quando non verrà presa la decisione, come riferisce Balkan Insight. Secondo il ministro Stefanovic, acconsentire all’ingresso del Kosovo porterebbe a spiacevoli conseguenze, tra cui “politicizzare completamente tale organizzazione di polizia, violare il diritto internazionale e minacciare le future operazioni politiche”, come ha spiegato. La Serbia preferirebbe che le relazioni tra l’Interpol Pristina continuassero ad essere mantenute attraverso la Missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK).

Il portavoce del Parlamento kosovaro, Kadri Veseli, ha criticato tali sforzi, dichiarando che “la Serbia sta cercando di danneggiare il Kosovo, giocando ad un gioco distruttivo” aggiungendo che, però, non riuscirà nel suo intento.

La candidatura del Kosovo è stata appoggiata da Bruxelles: nel 2016, il Parlamento europeo ha invitato, attraverso una risoluzione, gli stati membri di Eurpol e Interpol ad accettare il Kosovo come nuovo membro, affermando che ciò “migliorerebbe la lotta alla corruzione ed alla criminalità organizzata”.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Cristina Lipari

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.