Repubblica Ceca: cittadini in piazza chiedono dimissioni del Primo Ministro

Pubblicato il 19 novembre 2018 alle 12:30 in Europa Repubblica Ceca

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Migliaia di cittadini cechi sono scesi in piazza, sabato 17 novembre, per chiedere le dimissioni del Primo Ministro Andrej Babis. La giornata in cui ha avuto luogo la protesta non è casuale: si tratta dell’anniversario dell’inizio della Rivoluzione di Velluto, durata dal 17 novembre al 29 dicembre 1989, con cui i cittadini riuscirono a rovesciare il governo comunista in Cecoslovacchia. La manifestazione di sabato si è mescolata alle celebrazioni in memoria della rivoluzione, riempendo le più importanti piazze di Praga.

Andrej Babis, che ricopre la carica di Primo Ministro della Repubblica Ceca dal 6 dicembre 2017, è il fondatore del partito politico ANO 2011, termine che significa “sì” in ceco, oltre ad essere l’acronimo di Action of Dissatisfied Citizens. Inizialmente nato come un’associazione nel novembre 2011, ANO è diventato ufficialmente un partito politico l’11 maggio 2012.

I cittadini hanno accusato Babis di aver ostacolato un’indagine di frode, come riferisce Reuters, e durante le manifestazioni hanno esibito striscioni con su scritto “Non vogliamo un Primo Ministro processato”. Tuttavia, Babis ha negato tali accuse, aggiungendo che non è intenzionato a dimettersi.

I partiti di opposizione hanno organizzato un voto di sfiducia nei confronti dell’esecutivo guidato da Babis, che si terrà venerdì 23 novembre. In questo caso, un ruolo centrale sarà ricoperto dal Partito Social Democratico Ceco, partner governativo di ANO, che ha quattro membri all’interno dell’esecutivo, tra cui il ministero degli Esteri e dell’Interno. Come riferisce l’agenzia di stampa britannica, vari deputati social democratici stanno valutando se ritirare o meno il sostegno al governo. Tuttavia, una fonte interna al partito ha riferito che alcuni dei suoi membri sono più propensi a favorire lo status quo.

Lo scorso anno, la polizia ha accusato di frode Babis e due dei suoi figli, per aver manipolato la proprietà di una delle sue ditte.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Cristina Lipari

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.