Sardegna: naufragio migranti algerini, 2 morti

Pubblicato il 17 novembre 2018 alle 12:40 in Immigrazione Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Naufragata imbarcazione di migranti al largo dell’Isola del Toro, vicino a Sant’Antioco, sulla costa sud-occidentale della Sardegna. Il bilancio attuale è di 3 superstiti e 2 morti; proseguono le ricerche in mare per altre 8 persone gettatesi dalla barca in avaria.

Nella mattinata di sabato 17 novembre, la Guardia costiera di Cagliari ha recuperato il corpo di un migrante; si tratta del secondo cadavere a essere trovato dopo il naufragio della giornata precedente, quando era stato ripescato in mare il corpo di un primo giovane migrante. Il secondo corpo è stato rinvenuto a circa 4 miglia ovest dell’isola del Toro, non molto lontano dal punto in cui era avvenuto il naufragio.

Tre migranti erano stati soccorsi, nella mattina di venerdì 16 novembre, dalla motovedetta della Capitaneria italiana. Il barchino su cui era a bordo un gruppo di migranti algerini tentava di raggiungere la Sardegna, quando il motore aveva subito un’avaria, causando il naufragio dell’imbarcazione al largo dell’Isola del Toro, situata non lontano da Sant’Antioco, sulla costa sud-occidentale della Sardegna.

Si sospetta che in acqua ci siano ancora altri dispersi, 8 secondo quanto dichiarato alla Capitaneria di porto di Sant’Antioco dai 3 migranti superstiti. In base alla ricostruzione del naufragio e al loro resoconto, alcuni degli altri migranti che erano con loro si sarebbero tuffati in mare non appena appurato che barca era in avaria, mentre i tre sopravvissuti avevano deciso di restare sul barchino.

In mare sono in corso le ricerche da parte della Guardia costiera e della Guardia di finanza, mentre a terra si stanno mobilitando sia i carabinieri sia la polizia.

La rotta marittima privilegiata da anni dai migranti algerini verso l’Italia, quando le condizioni del mare sono migliori, parte a circa 200 km da Annaba, nel nord-est dell’Algeria, e giunge lungo le coste della Sardegna meridionale. Nel corso dell’ultima settimana, sulle coste sarde comprese tra Sant’Antioco, Teulada e Sant’Anna Arresi sono arrivati un totale di 63 algerini tramite 5 sbarchi. Per prassi i migranti, per lo più giovani di sesso maschile, vengono intercettati a terra dalle forze dell’ordine oppure recuperati in mare dal Guardacoste; in seguito vengono visitati, identificati e scortati nel centro di accoglienza di Monastir, a Cagliari.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.