Frontex: l’andamento dei flussi migratori dell’ottobre 2018

Pubblicato il 15 novembre 2018 alle 6:01 in Europa Immigrazione

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Nei primi 10 mesi del 2018, il numero di migranti irregolari giunto in Europa, via mare e via terra, è diminuito del 31% rispetto allo stesso periodo del 2017, quando arrivarono in territorio europeo quasi 119.000 stranieri.

E’ quanto riferisce l’agenzia europea della Guardia di Frontiera e Costiera, Frontex, secondo cui la diminuzione è stata dovuta alla minore pressione migratoria lungo la rotta del Mediterraneo centrale, che collega la Libia all’Italia. Secondo le stime dlel’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM), nel mese di ottobre sono sbarcati in Europa 15.291 migranti, di cui oltre 10.000 sono arrivati in Spagna. Dal primo gennaio al 30 ottobre 2018, invece, in Europa sono sbarcati complessivamente 98.361 migranti, la maggior parte dei quali, ancora una volta, in Spagna.

Se il trend decrescente degli arrivi verrà confermato anche a novembre e dicembre, il 2018 sarà l’anno con il numero più basso di ingressi irregolari in Europa dal 2013. Nel solo mese di ottobre sono stati respinti circa 16.000 tentativi di ingressi illegali lungo le principali rotte verso l’Unione Europea (UE), quali il Mediterraneo Occidentale, Centrale e Orientale, e lungo la rotta dei Balcani occidentali.

Per quanto riguarda il Mediterraneo occidentale, rotta che collega il Nord Africa alla Spagna, nel mese di ottobre ha registrato circa il 60% delle traversate irregolari verso l’Europa, confermando il primato del Paese europeo nel numero di sbarchi dai mesi estivi ad oggi. Nei primi 10 mesi del 2018 in Spagna sono giunti via mare più di 47.000 stranieri, le cui principali nazionalità sono marocchina, guineana e maliana.

In merito alla rotta del Mediterraneo centrale, il numero degli arrivi attraverso tale tratta nel mese di ottobre 2018 è diminuito dell’87% rispetto all’ottobre 2017. Dall’inizio dell’anno al 30 ottobre, l’IOM riferisce che l’Italia ha registrato lo sbarco di 22.031 migranti, le cui principali nazionalità sono tunisina, eritrea ed irachena.

La rotta del Mediterraneo orientale, invece, nel mese di ottobre 2018 ha registrato pressappoco lo stesso numero di traversate irregolari dell’ottobre 2017, pari a 5.700. Frontex spiega che, a causa di un aumento nel numero di entrate illegali presso i confini con la Turchia, nel corso dei mesi recenti, il numero di migranti irregolari intercettatati lungo i confini terrestri tra Grecia e Turchia nei primi 10 mesi del 2018 è aumentato del 37%, raggiungendo i 47.100. Il numero dei tentativi di entrata via mare, invece, è diminuito. La maggior parte dei migranti che percorrono il Mediterraneo orientale è originario di Siria, Iraq e Afghanistan.

Infine, per quanto concerne la rotta dei Balcani occidentali dalla Serbia verso Ungheria e Croazia, il numero di ingressi irregolari sta continuando a diminuire, mentre si è creata una tratta parallela attraverso Albania, Montenegro e Bosnia Herzegovina che sta registrando una crescente pressione migratoria.

Consulta l’archivio sull’immigrazione di Sicurezza Internazionale, dove troverai centinaia di articoli in ordine cronologico.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.