Sánchez: Londra indica secondo referendum sulla Brexit

Pubblicato il 13 novembre 2018 alle 6:00 in Spagna UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il premier spagnolo Pedro Sánchez ha dichiarato che il governo britannico dovrebbe organizzare un nuovo referendum sulla permanenza nell’Unione Europea.

Al posto di Theresa May avrei indetto un secondo referendum, senza alcun dubbio“, ha affermato Sánchez in un’intervista al giornale americano Politico.

Pedro Sánchez è ormai il terzo leader europeo a chiedere un nuovo voto sulla Brexit. Prima di lui, infatti, dichiarazioni simili erano state fatte dal premier di Malta Joseph Muscat e dal primo ministro della Repubblica Ceca Andrej Babiš, si legge nell’articolo.

“Vorrei che il governo britannico indicesse un secondo referendum, ovviamente non ora, ma in futuro, in modo da concedere ai suoi cittadini l’opportunità di tornare nella UE”, ha aggiunto il premier spagnolo.

Secondo Sánchez il referendum ha portato ad una “polarizzazione della società”.

Il capo dell’esecutivo spagnolo ritiene infatti che non sia affatto democratico decidere la questione dell’uscita dall’Unione con il sostegno di appena il 51% della popolazione. Ha definito inoltre l’uscita del Regno Unito dall’UE una “grande perdita sia per Londra che per l’Europa unita” e spera che “la decisione venga rivista nel prossimo futuro”.

“L’accordo sulla Brexit potrà essere raggiunto a dicembre e l’Unione Europea e Londra sono sempre più vicine a risolvere questo problema”, ha concluso il premier.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.