Carovana dei migranti: Guatamala e Honduras chiudono la frontiera

Pubblicato il 23 ottobre 2018 alle 15:34 in America centrale e Caraibi Immigrazione

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I presidenti del Guatemala e dell’Honduras, Jimmy Morales e Juan Orlando Hernández, hanno concordato la chiusura della frontiera comune ai due paesi per evitare il passaggio di altri cittadini honduregni desiderosi di unirsi alla carovana dei migranti.

L’accordo è stato reso noto dall’Istituto Nazionale delle Migrazioni dell’Honduras nel pomeriggio di lunedì 22 ottobre. Secondo quanto comunicano le fonti ufficiali, la decisione è stata presa dopo che un gruppo di circa 500 honduregni ha tentato di attraversare il confine settentrionale. Contingenti della polizia guatemalteca con il supporto dell’esercito sono stati dislocati nell’area per fermarli. Secondo la stampa locale l’ordine è stato dato dopo la riunione di lunedì pomeriggio tra i presidenti del Guatemala , Jimmy Morales, e dell’ Honduras, Juan Orlando Hernández, giunto d’urgenza nella capitale guatemalteca su un volo privato.

Già dalle prime ore del mattino gli honduregni hanno travolto i blocchi stradali stabiliti dalle autorità locali per bloccare loro la strada. I migranti si sono avvicinati al territorio guatemalteco, dove le autorità doganali li hanno intrattenuti con la scusa della necessità di un permesso legale per l’attraversamento fino all’arrivo di un contingente di polizia e dei militari che hanno formato un “cordone di sicurezza” per impedire loro di attraversare il confine. 

I migranti denunciano di essere stati ingannati dalle autorità honduregne, che avrebbero affermato di aver prolungato il permesso per l’attraversamento della frontiera in modo da caricarli su autobus diretti di ritorno a Tegucigalpa. Lì i migranti non avrebbero ricevuto il nuovo permesso ma sarebbero stati costretti a far ritorno a casa. 

La riunione tra Morales e Hernández si è tenuta a porte chiuse in una base aerea dell’esercito guatemalteco e la stampa non è stata ammessa neanche a vertice concluso. Il ministero degli esteri dell’Honduras si è limitato a un comunicato via twitter in cui si assicura che i due presidenti hanno discusso del “ritorno sicuro a casa” dei migranti honduregni. 

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.