Le due Coree ricollegheranno strade e ferrovie

Pubblicato il 16 ottobre 2018 alle 6:01 in Corea del Nord Corea del Sud

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Corea del Nord e la Corea del Sud hanno deciso di riconnettere le strade e le ferrovie. Tale mossa, spiega Reuters, sta facendo preoccupare gli Stati Uniti, in quanto potrebbe ostacolare i suoi sforzi per esercitare pressione su Pyongyang, affinché abbandoni il proprio programma nucleare.

L’accordo sui trasporti è stato concluso nel corso di colloqui tra delegazioni delle due Coree presso il villaggio di Panmunjom, successivi al terzo incontro tra il presidente sudcoreano, Moon Jae-in, e il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, avvenuto il 18 settembre. Nell’occasione, i due capi di Stato hanno deciso di organizzare cerimonie di inaugurazione alla fine di novembre e all’inizio di dicembre, per avviare i lavori di collegamento delle ferrovie e delle strade, interrotte dalla guerra di Corea del 1950-53. Moon e Kim Jong-un hanno altresì deciso di voler ospitare congiuntamente le Olimpiadi del 2032.

I colloqui sono stati guidati dal ministro per l’Unificazione del Sud, Cho Myoung-gyon, e dal presidente del comitato per la riunificazione pacifica del Nord, Ri Son Gwon, che gestisce gli affari transfrontalieri. “Siamo in un momento molto critico per la denuclearizzazione della penisola coreana e il progresso delle relazioni inter-coreane, e c’è anche un secondo vertice tra Pyongyang e Washingtonin arrivo “, ha riferito Cho ai giornalisti prima di partire per Panmunjom.

Il primo incontro tra Kim Jong-un e Donald Trump, è avvenuto il 12 giugno scorso, nello storico vertice di a Singapore. È probabile che il secondo incontro avverrà dopo le elezioni del Congresso degli Stati Uniti, il 6 novembre. Nonostante i colloqui positivi tra Kim e Trump, Washington sta ancora perseguendo una politica di “massima pressione”, affinché la Corea del Nord rinunci al programma nucleare e missilistico.

Ad agosto, un piano per il controllo congiunto del progetto ferroviario è stato accantonato dopo che il comando delle Nazioni Unite (UNC), che si sovrappone alle forze statunitensi nel Sud e sovrintende agli affari nella DMZ, ha rifiutato il passaggio per un treno di prova, secondo quanto riferito da fonti militari.

I funzionari militari di entrambe le parti si incontreranno prossimamente per concordare gli step del rilancio delle relazioni tra le due Coree. L’avvicinamento Pyongyang e Seoul si è verificato in seguito alle dichiarazioni rilasciate in occasione del nuovo anno del leader nordcoreano, Kim Jong-un, il quale aveva affermato che il suo Paese era aperto al dialogo con Seoul. Il 9 gennaio, a Punmunjeom, le delegazioni delle due Coree hanno concordato di inviare una delegazione di atleti del regime di Pyongyang a partecipare ai Giochi Olimpici invernali. Si è trattato del primo incontro tra i due Paesi dal 2015. Occorre ricordare che la tensione tra Seoul, Washington e Pyongyang ha raggiunto il picco massimo tra il luglio e il dicembre 2017, in seguito a numerosi test di missili balistici intercontinentali e al test nucleare condotti dalla Corea del Nord e a diverse esercitazioni militari congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud. In occasione dei Giochi Olimpici, Washington e Seoul avevano concordato di sospendere qualsiasi dimostrazione militare per favorire il pacifico svolgimento dell’evento sportivo. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.